Oro oggi

Soglia 1.445$ "critica" per l'oro, il tasso della Fed supera PIL e inflazione

Il prezzo dell'oro è oscillato in un range di 5$ mercoledì a Londra, contro un dollaro in aumento quando i mercati azionari statunitensi hanno aperti al loro undicesimo massimo storico consecutivo, e la crescita del PIL nella più grande economia del mondo è stato rivista al rialzo.
 
Il prodotto interno lordo degli Stati Uniti è cresciuto del 2,1% all'anno tra luglio e settembre, secondo l'Ufficio di analisi economica, battendo il ritmo del secondo trimestre e segnando l'espansione del terzo trimestre più debole dal 2015.
 
Escludendo i prezzi di cibo ed energia, l'indice PCE del costo della vita è aumentato del 2,1% all'anno quest'estate, secondo la revisione di oggi.
 
Ciò significa che il tasso di interesse chiave della Federal Reserve è appena superiore sia all'inflazione che alla crescita del PIL per un secondo trimestre consecutivo, dato paragonabile ai valori della crisi bancaria globale di fine 2008.
 
Il mese scorso la Fed ha ridotto il suo tasso di prestito chiave di un altro quarto di punto, fino a un massimo dell'1,75%.
 
 
 
"Se i prezzi scendono al di sotto di 1.445$, ci sarà un chiaro segnale che stiamo entrando in una zona pericolosa", afferma un analista su Reuters, indicando il minimo da 3 mesi a metà novembre dei prezzi dell'oro in dollari.
 
"L'oro nel complesso rimane in depressione", concorda un altro, "interamente in balìa dei movimenti in altri mercati [mentre] il supporto critico rimane a 1.445$".
 
Gli analisti del gigantesco gruppo finanziario statunitense Citi hanno ora ridotto l'obiettivo di 3 mesi della banca per i prezzi dell'oro di quasi 100$ l'oncia a 1.485$.
 
Nel frattempo, la banca d'investimento statunitense Goldman Sachs prevede che i prezzi dell'oro raggiungano 1.600$ nel 2020.
 
Il rally di martedì dei prezzi dell'oro in dollari, da 1.450$ a 1.462$ in un giorno, ha visto i volumi degli scambi di futures e opzioni sull' oro saltare di quasi la metà sullo scambio di derivati ​​Comex, raggiungendo il turnover più alto in quasi 3 settimane.
 
Altri dati oggi indicano nuove richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti al di sotto delle previsioni degli analisti per la scorsa settimana, mentre gli ordini di ottobre per beni durevoli hanno superato le aspettative.
 
Nel frattempo, in Cina - il minatore d'oro numero 1 al mondo, importatore, consumatore e acquirente centrale finora in questo secolo - "il rallentamento dell'economia e l'inflazione in aumento hanno schiacciato i bilanci dei consumatori", afferma una nota del World Gold Council dell'industria mineraria, "ostacolando di conseguenza la domanda di oro fisico".
 
Il premio dell'oro a Shanghai sulle quotazioni di Londra oggi è tornato a 4$ l'oncia, meno della metà dell'incentivo medio dell'ultimo decennio per le nuove importazioni.
Attachments: 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento