Oro oggi

Prezzo dell'oro diretto a $1180 mentre manca supporto dall'Asia

Le perdite del prezzo dell’oro del 3,6% della scorsa settimana si sono estese lunedì mattina durante la sessione asiatica e la sessione di Londra, mentre anche l’argento crollava e i mercati azionari andavano in rialzo.
 
Le quotazioni dell’oro sono crollate al di sotto dei $1300 all’oncia per la prima volta dalla prima settimana di luglio.
 
Le quotazioni dell’argento hanno invece esteso le perdite del 4,5% della scorsa settimana contro il dollaro, toccando i minimi di 3 mesi a $19,61.
 
“Il rischio al ribasso predomina sul breve termine” si legge in una nota della banca di investimento tedesca Commerzbank, che considera che in termini di Dollaro “il prezzo dell’oro potrebbe testare i $1180, il minimo triennale dalla fine di giugno.”
 
Dopo aver detto lo scorso venerdì che il “prossimo supporto” è a $1240, la bullion bank Scotia Mocatta indica ugualmente i $1180, “il ritracciamento al 100%” del rally di questa estate.
 
“La questione rimane la politica monetaria degli Stati Uniti” si legge in un’analisi di Michael Widmer di Bank of America Merrill Lynch.
 
“Non appena si ricomincerà a parlare di tapering, il prezzo dell’oro dovrà sopportare ulteriori pressioni ribassiste.”
 
Rimanendo comunque ad un premio di $11 all’oncia oltre il prezzo di riferimento di Londra, il prezzo dell’oro in Cina è sceso lunedì mattina durante una sessione poco movimentata.
 
Paragonato al PIL della Cina, la spesa dei privati per l’oro è salita con una velocità doppia nel 2013, secondo un’analisi di BullionVault.
 
I trader speculativi al mercato statunitense dei derivati la scorsa settimana hanno incrementato le scommesse nette che il Dollaro guadagnerà terreno contro le altre valute di almeno un quinto, ad oltre $15 miliardi.
 
Il trading sul mercato di futures e opzioni nel frattempo ha visto una riduzione delle scommesse nette rialziste del 14%, toccando il livello più basso da inizio agosto.
 
Toccando l’equivalente di 240 tonnellate la scorsa settimana, la posizione speculativa net long sul prezzo dell’oro ha avuto una media di 722 tonnellate nei 5 anni precedenti alla fine del 2012.
 
Finora la media del 2013 è stata di 332 tonnellate.
 
Nei mercati azionari, il FTSE di Londra ha brevemente superato i 6.700 per la quarta volta in una settimana, rimanendo comunque del 2% al di sotto del livello di giugno che sfiorò il picco degli ultimi sei anni.
 
Il S&P di New York oggi aprirà oltre i 1.800 per la prima volta in assoluto.
 
“I mercati esterni continuano a creare una situazione sfavorevole per l’oro” considera Barclays Capital.
 
“Il mercato dell’oro fisico, nel frattempo dà poco supporto durante questa stagione tradizionalmente di forte consumo.”
 
“Visto che la Federal Reserve si sta ritirando” dalla politica di stimolo data dal QE, considera Jeffrey Sherman di Double Line Capital di Los Angeles, intervistato da Bloomberg, “è difficile che gli investitori si aspettino uno scenario di inflazione.”
 
“E se non si teme l’inflazione, non si compra oro.”

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento