Oro oggi

Oppio, dollari, oro e disavanzo commerciale - parte 1

Come faranno gli USA a bilanciare il loro disavanzo della bilancia commerciale...?

di Adrian Ash - BullionVault.it

I DEFICIT SONO IMPORTANTI? Al tempo in cui i missionari inglesi stavano finendo la prima traduzione della Bibbia in cinese, l'Impero Britannico si è trovato a far fronte ad un altro tipo di problema di traduzione.

Esportare la lingua inglese in Cina - e un po' di quaccherismo - è risultato essere molto più semplice che esportare merci britanniche durante gli anni 30 del 19º secolo.

Le importazioni, invece, non fecero altro che crescere con l'accendersi della rivoluzione industriale in Inghilterra, portando all'Inghilterra i nuovi prodotti preferiti dai consumatori: tabacco, zucchero, caffè, porcellana e seta.

Naturalmente l'Inghilterra possedeva le piantagioni nelle Indie orientali e le fabbriche nel Bengali. Quindi non esistevano deficit. "Ma gli inglesi hanno clamorosamente fallito nel trovare beni che i cinesi volessero o di cui avessero bisogno", ha scritto recentemente Jonathan Spence, professore di storia alla Yale, nelle note delle sue Reith Lectures per la BBC.

Quindi "esisteva un problema di bilanciamento della bilancia commerciale". E con navi piene di prodotti per i consumatori da mandare oltre oceano, i commercianti di Londra erano costretti a pagare in contanti.

Per gli inglesi, denaro era sinonimo di oro, così come denaro era sinonimo di oro fino alla fine del gold standard cent'anni più tardi. Ma i cinesi volevano argento.

(Di fatto non hanno mai utilizzato l'oro. E mentre l'Inghilterra si rimetteva dalle conseguenze della sua grande depressione abbandonando l'oro a favore di denaro cartaceo nel 1931, vi è una teoria che sostiene che la Cina abbia saltato tale depressione a piedi pari optando per uno silver standard...)

Così all'inizio del 19º secolo, cambiare sterline inglesi in yuan cinesi significava cambiare oro in argento. E questo significava trattare sui mercati dei metalli preziosi europei. Il costo delle commissioni dei commercianti di metalli preziosi di Parigi e della Prussia, assieme ai costi di trasporto del metallo stesso in Cina e di ritorno in Europa, non ha fatto altro che aumentare questo enorme divario nella bilancia commerciale.

Che fare? Una parte del cotone grezzo prodotto dall'impero britannico ha trovato un mercato favorevole in Cina, ma non era di gran lunga sufficiente a bilanciare il deficit estero. L'oro fisico ha continuato ad essere esportato da Londra, adirando così i seguaci delle scuole economiche e dei politici favorevoli all'oro, che temevano che mandare tutto l'oro in Cina avrebbe provocato una carenza di monete nell'economia nazionale britannica e la perdita di valore della sterlina inglese, assieme al fatto di creare posti di lavoro per stranieri, e pagare i guadagni agli stranieri influenti, lasciando a Londra solo il ministro delle finanze impoverito nella speranza di non dover mai dover pagare per la difesa militare nazionale.

Ed "era questo melanconico fallimento della bilancia del commercio estero che portò alle attività di oppio in Cina", spiega il professor Spence. L'oppio coltivato in Cina "iniziò ad essere venduto ai commercianti cinesi dagli inglesi, e più tardi anche da quelli americani, perché l'occidente semplicemente non riuscì a trovare abbastanza prodotti da vendere ai cinesi in una sorta di baratto commerciale."

L'uso sempre più diffuso di droghe e il derivante crollo sociale sono raramente in sintonia con le politiche governative - per lo meno non quelle nazionali. L'oppio era stato dichiarato illegale molto tempo prima tramite decreto imperiale emanato a Nanchino. Ma dopo dieci anni di lotte contro i trafficanti di droghe inglesi, senza inclinare le importazioni di argento, le autorità di Nanchino alla fine si dettero per sconfitte.

Il governatore cinese fece sequestrare 20.000 casse di droghe, ovvero circa 1.200 tonnellate, arrivate a Canton. Londra rispose iniziando una guerra. La risultante prima guerra dell'oppio del 1839 terminò tre anni dopo con il trattato di Nanchino, in base al quale l'esercito britannico avrebbe ottenuto la cessione dell'isola di Hong Kong, tariffe commerciali ridotte, la clausola di extraterritorialità per i cittadini britannici residenti in Cina, e la "clausola della nazione più favorita" in base alla quale se la Cina avesse accordato privilegi a un altro paese straniero, questi sarebbero stati estesi automaticamente anche agli inglesi.

Qualunque fossero i diritti o le concessioni che la Cina avrebbe ottenuto in futuro, anche l'Impero Britannico ne avrebbe tratto beneficio. E nonostante l'oppio non fosse esplicitamente menzionato nel trattato, il deficit commerciale venne bilanciato con droghe piuttosto che con pagamenti in moneta forte.

 

Considerando la storia, come faranno gli USA a saldare il loro disavanzo commerciale?

 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento