Oro oggi

Oro sostenuto dai rischi geopolitici, dimissioni alla BCE in protesta al QE

Il prezzo dell'oro ha recuperato i due terzi del calo di 30$ di ieri, spostandosi a 1.510$ mentre l'euro è caduta a seguito delle improvvise dimissioni di banchiere centrale - apparentemente in segno di protesta per il ritorno al QE di questo mese.
 
L'ex vicepresidente della banca centrale tedesca Sabine Lautenschläger ha lasciato il suo ruolo nel consiglio di amministrazione della Banca centrale europea con due anni di anticipo.
 
Nel frattempo, il comitato di intelligence di Washington ha rilasciato una versione ridotta della denuncia contro il presidente repubblicano Trump per il suo presunto tentativo di sfavorire l'avversario democratico Joe Biden tramite l'Ucraina.
 
Iniziando il 2019 con l'aspettativa che i tassi di interesse dell'euro aumentassero, Lautenschläger ha dichiarato alla fine di agosto "È troppo presto per un enorme pacchetto di [stimolo monetario]".
 
"Il Programma di acquisto ... dovrebbe essere utilizzato solo se si ha un rischio di deflazione; e il rischio di deflazione non è visibile da nessuna parte".
 
Appena 2 settimane dopo la BCE si è mossa per tagliare i tassi e riavviare l'allentamento quantitativo, creando e spendendo 20 miliardi di euro al mese in titoli di stato e altre attività.
 
Tale decisione, se messa ai voti dal presidente uscente della BCE Mario Draghi, sarebbe stata osteggiata da 5 dei 19 governatori centrali dell'Unione e 2 dei 6 membri senior del consiglio, afferma Il Sole 24 Ore, con l'olandese Klaas Knot "che critica apertamente il pacchetto sproporzionato" da quell'incontro.
 
I rendimenti obbligazionari dell'Eurozona sono stati poco modificati dalle notizie, lasciando il costo medio dei prestiti per i governi nelle 19 nazioni negativo su prestiti a 10 anni e negativo su tutte le scadenze per le nazioni con rating AAA degli stati nord-orientali, guidate dalla Germania.
 
 
Poiché i tassi negativi significano che gli investitori devono pagare per detenere euro come valuta estera rispetto ad altre valute, "se sei ribassista sul dollaro è più economico possedere oro fisico", ha dichiarato una colonna di Bloomberg la scorsa settimana.
 
"La piattaforma di trading BullionVault addebita un minimo dello 0,12% annuo per l'oro allocato, ed i grandi investitori con accesso ai depositi di Londra possono ottenere un costo di custodia di circa lo 0,1".
 
L'Euro è caduto giovedì, scendendo al di sotto di 1,10$ sul Dollaro - un minimo di 2 anni quando raggiunto a fine agosto.
 
Ciò ha aiutato il prezzo dell'oro nella moneta unica a tornare ai livelli della scorsa settimana a 1.378€ per oncia.
 
Il prezzo dell'oro nel Regno Unito si è mantenuto più stabile, scambiato all'1,1% in più rispetto allo scorso venerdì a 1.228£, mentre la sterlina è tornata in ribasso dopo la settima sconfitta di Johnson nella votazione per una "breve pausa" la prossima settimana in occasione della conferenza dei Tories.
 
"La forza del dollaro quest'anno ha influenzato negativamente l'oro", afferma Jim Steel, il principale analista di metalli preziosi di HSBC.
 
Ma laddove il 2018 ha visto flussi di "investimenti sicuri" destinati esclusivamente ai titoli del Tesoro USA e al dollaro, nel 2019 "l'oro è stato in grado di sottrarre una quantità sufficiente di tali flussi per sostenerlo".
 
Alla domanda se il possibile impeachment di Trump possa spingere l'oro in alto, "ciò che è più importante è il clima generale del rischio geopolitico, che quest'anno è più alto", ha affermato Steel.
 
A seguito della condanna europea ed americana dell'apparente attacco di droni a guida iraniana contro le strutture petrolifere saudite, il ministro degli Esteri dell'Arabia Saudita Adel al-Jubeir ha dichiarato oggi che "Tutti cercano di evitare la guerra ... [ma] la pacificazione non ha funzionato con l'Iran in passato".
 
Il presidente turco Erdogan ha sollecitato cautela, dicendo a Fox News che "le prove disponibili non necessariamente" fanno di Teheran il probabile colpevole.
 
I prezzi del greggio oggi hanno cancellato l'ultimo improvviso picco del 20% di metà settembre sugli attacchi sauditi, scendendo sotto i 56$ al barile nel benchmark statunitense WTI, dopo che le riparazioni alla gigantesca raffineria di Abqaiq sono state eseguite in anticipo sui tempi previsti.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento