Oro oggi

Oro scivola dopo aver toccato i massimi da 3 settimane

Le quotazioni dell’oro da investimento sono scivolate dell’1,1% dal massimo di tre settimane toccato ieri durante le transazioni al mercato londinese, rimanendo comunque oltre i $1330 all’oncia mentre il Dollaro andava in rally dopo aver toccato il minimo di due anni sul mercato delle valute.
 
Crollando a $1,3790 contro l’Euro, il Dollaro ha perso quasi l’1% dopo la divulgazione dei dati sull’occupazione relativi a settembre, che si sono rivelati molto inferiori rispetto alle aspettative.
 
“Anche se dicembre rimane una possibilità” perché la Federal Reserve cominci con il ‘tapering’ ovvero la riduzione del programma di acquisti di asset conosciuto come quantitative easing, “il report sembra favorire l’ipotesi che la Fed rimanderà il primo rallentamento del QE al 2014” considerano gli analisti di Goldman Sachs.
 
Il tapering probabilmente comincerà a marzo, aggiungono, quando l’attuale presidente Ben Bernanke verrà sostituito da Janet Yellen.
 
“Tecnicamente siamo ad un momento chiave per lo sviluppo nel medio termine” si legge in un’analisi della banca tedesca Commerzbank, che aggiunge che le loro analisi dei grafici sono adesso “neutrali” sui prezzi dell’oro sul breve termine.
 
“Ritengo ancora che le possibilità di rialzo siano limitate” ha commentato invece David Govett del broker Marex, indicando “l’assenza di qualsiasi altro fattore positivo” come responsabile del crollo del Dollaro.
 
“Sospettiamo che l’oro potrebbe continuare a spingere ancora” si legge in una nota di INTL FCStone, riferendosi ugualmente la debolezza del Dollaro.
 
Perché il nuovo trend continui però, serve il supporto della domanda di oro da investimento e del settore orafo.
 
L’oro da investimento ha avuto una spinta dall’ETF più importante al mondo, il SPDR Gold Trust, che martedì per la prima volta in un mese ha aumentato le riserve di oro sottostante, arrivando alla quantità massima delle ultime 8 settimane. Nonostante l’aggiunta di 6,7 tonnellate, le riserve d’oro rimangono comunque vicine ai minimi di 56 mesi, a 878 tonnellate.
 
“Suggeriamo di vendere durante questi rally” ha dichiarato la banca australiana ANZ Bank, “perché la domanda fondamentale dalla Cina sembra incerta.”
 
Al mercato di Shanghai, avendo toccato i $25 all’oncia la scorsa settimana, i premi per comprare oro da investimento oltre il prezzo di riferimento di Londra sono scesi a $7 all’oncia, rispetto agli $8 di ieri.
 
In India, i premi hanno oggi toccato il record di $125 all’oncia, secondo quanto riportato dai dealer, mentre aumenta la domanda in previsione della stagione festiva, che deve far fronte a una carenza di fornitura per via delle restrizioni sulle importazioni imposte dal governo indiano.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento