Oro oggi

Oro e argento vs. FTSE-100

Benvenuto nel 21 secolo all’indice londinese FTSE-100, finalmente!, scrive Adrian Ash di BullionVault.
 
Si, dopo aver atteso 15 anni, un mese e tre settimane, quell’indice di mercato...che rappresenta le 100 maggiori compagnie quotate del Regno Unito...ha chiuso il martedì sopra il picco record stabilito alla vigilia di Capodanno del 1999.
 
“Era ora”, afferma la BBC.
 
“Si potrebbe incolpare gli azionisti bancari per il ritardo”, afferma il Financial Times.
 
“Senza dimenticare la divisione dei dividendi”, secondo opinione diffusa da intermediari alle banche d’investimento.
 
Per certo, se un investitore avesse investito nel FTSE-100 appena prima del Capodanno del 1999...e rinvestito continuamente i dividendi a partire da quel momento...avrebbe realizzato un utile pari almeno al 67% in totale negli ultimi 15 anni, afferma la AXA Wealth.
 
Sorprendente! Ciò costituisce un ritorno reale del 15% considerata l’inflazione...un’enorme guadagno, nell’ordine dell’1% all’anno.
 
Vale la pena correre il rischio, anche se ciscun consulente finanziario non lo direbbe oggi.
 
Cosa sarebbe successo se invece un investitore avesse investito nel mattone, in titoli a lungo termine, oppure oro o argento...?
 
Il reddito da investimento è un punto da considerare sicuramente, e l’oro...come l’argento...non ne offre. Sarebbe da pazzi non comprare nulla se non oro e scommettere la propria pensione ripetutamente per 15 anni, ma dato che quel lasso di tempo è stato una sfida alla saggezza dell’investimento convenzionale, sarebbe ugualmente da pazzi non comprare qualcos’altro a parte azioni e ignorare completamente i lingotti. 
 
L’indice FTSE-100 ha raddoppiato a partire dal minimo dovuto al crash della crisi finanziaria. L’oro è cambiato di poco da cinque anni a questa parte. Rimane ancora l’asset che si è meglio comportato nel Regno Unito in questo secolo e fino adesso, molto meglio anche dell’argento. I titoli obbligazionari vengono dopo. E questi ultimi non sono diminuiti...ne crollati...da molto tempo prima della vigilia del Capodanno del 1999.
 
I tempi di festa non sono destinati a durare, come la bolla DotCom...il Global Credit Boom...e si, anche il mercato rialzista dell’oro e dell’argento..tutti ciò è dimostrato anche dall’indice FTSE-100 che ha toccato brevemente il livello attuale 15 anni fa. 
 
Ora come ora, il giorno del giudizio per il reddito fisso sembra atteso da molto tempo. I rendimenti GILTS del Regno Unito non sono mai stati bassi, ciò significa che i prezzi dei titoli azionari non sono mai stati più alti. Il governo tedesco nella giornata odierna ha emesso dei titoli di stato a tasso negativo per la nona volta fino adesso quest’anno.
 
Certo, coloro che si definiscono “investitori” stanno pagando i governi perchè prestino denaro...denaro datogli dietro fiducia da risparmiatori come noi, privati cittadini.
Attachments: 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento