Oro oggi

Oro in difficoltà, corre il rame nonostante il Coronavirus

L'oro sta faticando a risalire metà della discesa di $40 di questa settimana, sotto 1.565$/oncia tra mercati azionari in salita. Le prospettive economiche si stanno deteriorando, anche a causa del Coronavirus in diffusione al di fuori della Cina. 

Pechino ha indicato oggi che oltre 500 persone sono state uccise dal virus, e la maggior parte della popolazione è bloccata a casa da prima delle vacanze del Capodanno lunare. L'indice di Shanghai CSI300 è aumentato, limitando la perdita dal mese scorso ad un -5,6% e mantenendo un guadagno del 20% da febbraio 2019. 

Anche le altre borse europee ed asiatiche hanno mostrato rialzi, estendendo il rimbalzo dal minimo di sei settimane di lunedì sull'indice mondiale MSCI all-countries e in risalita al record storico dello scorso mese, nonostante il -20% di Tesla la scorsa notte dopo il raddoppio da Capodanno. 

Le scommesse contro Tesla a gennaio hanno fatto perdere l'11,2% ai fondi del Regno Unito gestiti da Crispin Odey, ancora di più delle perdite degli investitori nel 2019, quando le equity globali hanno guadagnato il 24,2% sull'indice MSCI ACWI.

"I venditori allo scoperto sono rimasti molto scottati dalla parabola di Tesla", dice Business Insider

"Le perdite di quest'anno fino ad oggi degli investitori che hanno puntato contro Tesla ammontano a 11,47 miliardi di dollari secondo i dati di S3 Partners". 

Il greggio è scivolato ancora una volta, dopo un ribasso ed un rialzo successivi alle prime notizie sul Coronavirus. 

Il rame invece è aumentato, estendendo il rimbalzo dal -13% di metà gennaio.

In oro, il rame è scambiato a una tonnellata per 3,6 once, minimo da metà 2016. 

"Il rame è all'inizio di una fase di razionamento se i prezzi non aumentano in modo sostenibile", indica un'analisi per il 2020 di Scotiabank

"Questa è causata da una performance bassa della fornitura, che supera le previsioni di calo della domanda". 

"In contrasto l'oro è sempre guidato dai flussi di investimento dei mercati occidentali e dagli acquisti delle banche centrali, al contrario delle commodity guidate dai flussi fisici orientali", secondo Nicky Shiels di Scotia. 

"Questo trend non dovrebbe cambiare nel 2020, poichè le banche centrali e l'Eurasia continuano a de-dollarizzarsi e nel panorama geopolitico attuale". 

Dopo l'assoluzione di Trump nel processo di impeachment, il dollaro si è mantenuto al picco da novembre contro le maggiori valute, e questo ha aiutato il prezzo dell'oro in sterline a riaumentare al di sopra di 1.200£/oncia.

L'oro in euro è risalito sopra 1.420€/oncia. 

 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento