Oro oggi

Oro al massimo di una settimana a 1295$/oz, salvo scivolare nel primo pomeriggio

Il prezzo dell’oro è salito durante la mattinata di giovedì  a Londra, raggiungendo il massimo di una settimana a 1295$/oz in concomitanza con le notizie provenienti da Kiev, Washington e da altre agenzie di stampa occidentali che riportavano nuovi scontri tra le truppe russe e i saparatisti filorussi nell’est dell’Ucraina.
 
Successivamente il prezzo è sceso di 5$/oz, durante gli scambi del primo pomeriggio.
 
Il Presidente ucraino in carica, Poroshenko, ha esortato gli Stati dell’Unione Europea ad organizzare una riunione d’urgenza sottolineando la gravità della situazione odierna, che ha porttao ad una vera e propria violezione della sovranità del territorio ucraino da parte della Russia.
 
Da parte sua, Mosca ha negato qualsiasi sconfinamento da da parte delle sue truppe. I separatisti hanno conquistato la città di Novoazovsk, vicino al porto di Mariupol sul Mar Nero.
 
L’argento è cresciuto insieme all’oro, ma ha concentrato l’1,8% dei guadagni in 90 minuti dopo l’inizio degli scambi a Londra, toccando il massimo di due settimane a 19,88$/oz.
 
 
I mercati azionari dei paesi dell’Eurozona sono scesi, con l’indice tedesco DAX che ha perso l’1,4%.
 
“I tumulti geopolitici hanno contribuito ad aumentare la domanda di oro”, afferma Bloomberg nel riportare quanto detto da un analista di Pechino.
 
Il gigantesco fondo SPDR Gold Trust ha chiuso la giornata di mercoledì in possesso di 795 tonnellate, circa l’1% sotto il livello del primo giorno del mese di marzo, quando il Parlamento di Mosca approvò la richiesta di Putin “volta all’uso della forza per proteggere gli interessi della Russia nel caso fosse stata necessaria”.
 
“Con il prezzo dell’oro fondamentalmente neutrale”, afferma la banca francese Societe Generale, “fattori ribassiti guidati dal miglioramento dei dati economici provenienti dagli USA fanno da contraltare alla tendenza rialzista generata dalla rivolta sunnita, dagli attacchi Usa in Iraq e dalle tensioni tra Ucraina e Russia in corso”.
 
“Il nostro punto di vista non è cambiato”, aggiunge una nota della banca canadese TD Securities, “ e rimane ribassista anche con una piccola correzione delle previsioni di chiusura verso l’alto per il 2014, sul livello di 1265$/oz, considerando la recente azione positiva del prezzo causata dalle tensioni presenti in Russia e Medio Oriente, così come dai dati controversi provenienti dagli Stati Uniti”.
 
“Sebbene afflitti da un senso di rendimento al di sotto della performance che ci si attende”, afferma un operatore asiatico, “il prezzo dell’oro continua a fare il minimo necessario per stare al di sopra di ciò che vine definito livello chiave di 1275$/oz. Il livello di 1295$/oz rimane importante”.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento