Oro oggi

Oro +3%, platino cresce ancora a gennaio

L’oro in dollari è rimasto invariato mercoledì mattina, tornando a 1.343$/oncia.
 
Le borse mondiali oggi non hanno mostrato variazioni rilevanti dopo la terza caduta consecutiva, in attesa della decisione di oggi della Fed sul tasso d’interesse del dollaro.
 
Con un aumento del 3,7% nel primo mese del 2018, l’oro ha segnato per il dodicesimo anno dal 2013 un aumento a gennaio, seppur debole rispetto agli ultimi cinque anni. 
 
L’argento registra bun valore di17,27$/oncia, in leggero aumento. 
 
I Titoli di Stato americani hanno mantenuto un valore stabile oggi, dopo la caduta mensile più grave dalle ultime elezioni. 
 
Questo ha fermato la crescita dei rendimenti a dieci anni al 2,71%.
 
A novembre-dicembre 2016, si è registrata una correlazione tra l’impennata dei rendimenti dei titoli di stato e la caduta del 10% del prezzo dell’oro, mentre questa relazione si è invertita con una crescita simile degli stessi rendimenti, durante un’aumento del prezzo dell’oro di oltre il 3,6% al picco di 18 mesi. 
 
 
“Dal meeting della Fed di oggi ci si aspettano decisioni di cauto intervento”, osserva la Bank of America-Merrill Lynch, “un cambiamento rispetto alla disinflazione del 2017, ed un aumento dello slancio dell’economia reale”.
 
“La politica fiscale semplificata, deficit più alti, il rilascio di più Titoli di Stato, e le aspettative sull’inflazione dovrebbero risultare in un ulteriore aumento dei tassi d’interesse nei prossimi cinque-dieci anni”.
 
Le scommesse su un aumento del tasso d’interesse come risultato del meeting della Fed sono più che raddoppiate in un mese, ma più del 95% dei profitti delle posizioni al Comex non hanno subito cambiamenti rispetto all’1,5% attuale. 
 
Le scommesse su aumenti a marzo, giugno, settembre e dicembre sono salite, infatti una su quattro punta sul superamento del 2,5% del tasso d’interesse americano.
 
La decisa caduta delle Borse mondiali di martedì ha spinto gli investitori a liquidare le azioni SPDR Gold Trust (NYSEArca:GLD), infatto queste sono diminuite dello 0,5%, per un sottostante in oro fisico di 845 tonnellate. 
 
Lo yuan cinese ha raggiunto il picco di diversi anni in dollari, mentre il prezzo dell’oro nella valuta cinese è rimasto stabile. 
 
Il premio dell’oro in cina è oggi di 10,20$ rispetto ai prezzi di Londra, il più alto del 2018.
 
Con il dollaro che continua la caduta nel mercato delle valute dopo la breve ripresa di inizio settimana, i prezzi dell’oro continuano a salire per gli investitori americani e canadesi, ma non mostrano rilevanti fluttuazioni nelle altre valute in questo primo periodo dell'anno.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento