Oro oggi

Oro a 1218$/oz, argento al minimo di 4 anni

I prezzi dell’oro sono prima diminuiti e poi risaliti velocemente durante gli intensi scambi in Asia e Londra, recuperando lo 0,6% dal nuovo minimo del 2014 e arrivando ad essere scambiati intorno ai 1218$/oz, mentre i mercati azionari di tutto il mondo sono diminuiti.
 
I prezzi dell’argento hanno seguito l'andamento dell’oro, recuperando una precedente perdita del 2,5% per essere scambiati a 17.80$/oz, nuovo minimo di 4 anni.
 
“L’oro continua a ricercare un livello base ed il doppio minimo di 1180$/oz si avvicina”, ha affermato Jonathan Butler della Mitsubishi, riferendosi al minimo di tre anni della fine di giugno e dicembre del 2013.
 
“Venerdì è stata la giornata in cui i metalli preziosi hanno continuato il loro crollo, non trovando nessun supporto virtuale”, ha affermato David Govett della mMrex Spectron.
 
“E' vero che c'è stata un'evidente richiesta di oro fisico a prezzi bassi, ma tale richiesta non ha rappresentato granchè se paragonata al numero delle vendite”.
 
A partire dalla giornata di martedì della scorsa settimana, gli ultimi dati da parte del regolatore americano CFTC hanno mostrato come gli operatori finanziari, complessivamente, abbiano 
incrementato le loro scommese ribassiste su future e opzioni nel Comex, fino a raggiungere il più alto numero fatto registrare nel 2014 fino adesso. 
 
Il sito del Gold Exchange di Shangai oggi ha mostrato come i prezzi dell'oro in Cina siano scesi fino ad arrivare molto vicino ai prezzi internazionali di Londra di lunedì, riducendo il premio di 5$ della scorsa settimana fino a 2$/oz su grossi volumi di scambio.
 
“Proprio all’apertura degli scambi a Shangai”, afferma una nota della MKS, “ci sono state delle vendite molto importanti di argento, con prezzi di scambio lineari”.
 
“Sembra che ci saranno ulteriori liquidazioni di posizioni lunghe relative ai contratti derivati rialzisiti sull’argento",  secondo quanto riportato da Reuters nel citare un trader australiano. 
 
“Un supporto chiave si avrà a 16.60$/oz...al di sotto di 17$/oz ci saranno degli ordini di stop-loss vicino a quel livello”.
 
L'argento è sceso in nove delle ultime dieci settimane", afferma un’analisi tecnica della Scotia Mocatta.
 
“Gli indicatori di intensità della direzione del prezzo dell’oro, indicano un’ulteriore accelerazione prevedendo un'ulteriore declino ed ipotizzando un ulteriore test di supporto a 1182$/oz”.
 
L’oro fisico a garanzia delle azioni emesse dal fondo SPDR Gold Trust nella giornata di venerdì aveva chiuso la settimana al minimo dal dicembre del 2008.
 
Con un totale attuale di 776 tonnellate, il fondo si è liberato di quasi il 42% delle quantità precedentemente possedute dal picco di 1350 fatto registrare alla fine del 2012.
 
I quantitativi di argento, al contrario, sono arrivati ad un nuovo massimo di 10.589 tonnellate nel gigantesco fondo iShares Trust, in aumento di quasi il 6% da luglio.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento