Oro oggi

L’oro tocca i 1.350$/oncia, la guerra in Siria pesa di più della “guerra commerciale”.

L’oro ha guadagnato terreno contro il dollaro negli scambi del pomeriggio a Londra, recuperando la perdita della mattinata dello 0,5%.

Mosca ha negato di aver avuto un ruolo negli attacchi chimici della scorsa settimana in Siria.

Le vendite del retail americano sono aumentate dello 0,6% a marzo rispetto a febbraio, secondo i nuovi dati del Census Bureau, espandendosi del 4,7% su base annuale non contando gli alimentari, il che rappresenta un aumento importante rispetto alla media del 3,8% degli ultimi vent’anni.

Il primo ministro inglese Theresa May intanto ha dovuto rispondere alle autorità della mancata consultazione del Parlamento prima di partecipare agli attacchi aerei in Siria insieme a Stati Uniti e Francia, contro il regime di Bashar al-Assad.

Il Primo Ministro Russo Sergei Lavrov ha ribadito oggi che gli attacchi chimici contro i civili in Siria sono stati “una messinscena, e la Russia non ha avuto nulla a che fare con quel sito” da allora, contrariamente alle accuse di un inviato americano alla sezione dell’ONU che si occupa di armi chimiche.

L’oro è aumentato in tutte le maggiori valute all’apertura di New York, ma si è mantenuto al di sopra del livello di chiusura della scorsa settimana solo in dollari, muovendosi al di sopra dei 1.350$/oncia per la tredicesima volta in cinque anni.

“La guerra commerciale tra Cina e USA è ancora in corso”, ha osservato Jonathan Butler di Mitsubishi, “ma per ora i mercati potrebbero concentrarsi sui pericoli della guerra vera”.

“Queste tensioni potrebbero svanire molto velocemente, ma l’aumento del greggio al picco di tre anni, dovuto alla paura delle interruzioni delle forniture dal Medio Oriente, indica che anche i metalli preziosi dovrebbero ricevere un buon supporto come beni-rifugio”.

L’oro è scivolato all’apertura degli scambi in Cina, ma ha chiuso la giornata senza variazioni in yuan, mentre la valuta stessa ha subito una correzione rispetto al picco di due anni e mezzo in dollari della scorsa settimana.

Questo ha dimezzato il premio dell’oro a Shanghai rispetto alle quotazioni internazionali da 8 a 4$/oncia.

La domanda in India a ridosso del festival Akshaya Tritiya ha fatto recuperare 0,50$/oncia di premio rispetto alle quotazioni internazionali.

Attachments: 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento