Oro oggi

L’oro supera i 1.345$/oncia per la sesta volta nel 2018 con le tensioni Russia-USA

L’oro è aumentato di prezzo nei mercati asiatici ed a Londra mercoledì mattina, superando i 1.345$/oncia per la sesta volta nel 2018 fino ad oggi, mentre si aggravano le tensioni tra Russia e Stati Uniti per la situazione in Siria.

Guadagnando l’1% dalla fine della scorsa settimana in dollari e yen, il prezzo dell’oro non è aumentato sensibilmente nelle altre valute.

“Vi preghiamo di abbandonare i piani che state sviluppando in questo momento”: ha indirizzato così l’inviato Russo all’ONU il presidente Trump e il presidente francese Macron, dopo che entrambi avevano parlato di di utilizzare la forza contro il regime di Bashar al-Assad per aver attaccato dei civili con le armi chimiche durante il fine settimana.

Il rublo è scivolato questa settimana, riducendosi al valore minimo in dollari dalla fine del 2016, mentre gli Stati Uniti impongono nuove sanzioni contro gli oligarchi e le aziende connesse alla politica, forzando Mosca a rimandare il rilascio di nuovo debito.

“La guerra commerciale,  il conflitto politico con la Russia, ed un mercato in difficoltà sono fattori di rischio”, osserva la nota del raffinatore tedesco Heraeus, “ma se uno di questi dovesse aggravarsi, potrebbe avvenire una corsa verso i beni rifugio e metalli preziosi”.

Nonostante i dati positivi di Wall Street, dopo che l’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg  è intervenuto di fronte al Senato riguardo al fallimento delle misure a protezioni dei dati personali, mercoledì le Borse asiatiche sono scivolate insieme all’indice Stoxx Europe 600, in calo per la quarta delle sette sessioni di aprile fino ad oggi.

“Le Borse sono a rischio volatilità, e continuano le tensioni geopolitiche con la Russia ed il Medio Oriente”, ha scritto Bloomberg citando Michael Blumenroth, analista di Deutsche Bank.

“In Germania gli investitori si stanno innervosendo e stanno acquistando oro”.

L’aumento del prezzo dell’oro causa una diminuzione della domanda nel secondo paeseal mondo per consumo, secondo i resoconti del retail in India, nonostante l’avvicinarsi del festival  Akshaya Tritiya e la stagione dei matrimoni.

Lo sconto rispetto alle quotazioni internazionali in India è ora di 2,50$/oncia, secondo i dati di NCDEX.

“Una ragione della contrazione della domanda è la disoccupazione rurale, che in un anno è cresciuta dal 3,6% al 6,27%”, ha osservato il Business Standard. Anche la disoccupazione urbana è aumentata in un anno dal 4,4% al 6,7%.

Una nota con tono ribassista della banca olandese ABN Amro ha dichiarato : “Ci aspettiamo che le tensioni commerciali si attenuino, che il dollaro si riprenda, che la Fed continui ad aumentare i tassi d’interesse e che la fiducia degli investitori continui a salire, per cui il prezzo dell’oro subirà molta pressione”.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento