Oro oggi

L’oro scende al minimo di 9 mesi, prezzo sotto i 1216$/oz

L’oro è sceso al minimo di 9 mesi venerdì pomeriggio a Londra, con gli scambi che sono avvenuti sotto il prezzo di 1215$/oz, rimanendo negativo per la terza settimana di fila.
 
I mercati azionari mondiali hanno guadagnato, mentre sul fronte delle valute il dollaro americano ha spinto l’euro verso il nuovo minimo di 15 settimane, già toccato nella giornata di ieri.
 
Il prezzo dell’oro per gli investitori del Regno Unito ha recuperato la perdita realizzata durante la notte precedente, con la sterlina che è salita nel mercato delle valute dopo l’ufficialità del referendum che ha visto prevalere il fronte del “no” nel referendum sull’indipendenza della Scozia. 
 
Il prezzo dell’oro in sterline è sceso fino a 737£/oz, per poi recuperare 9£/oz nel pomeriggio di oggi. 
 
Gli analisti di alcune banche continuano ad affermare che ci si attendono ulteriori debolezze da parte del prezioso metallo da qui a dicembre, con gli investitori che rimangono tendenzialmente ribassisti.
 
In Asia, la domanda  fisica di oro sta scendendo lentamente verso i minimi.
 
Il prezzo dell’oro in yuan è sceso dello 0,5% fino al nuovo minimo del 2014 realizzato nella giornata odierna, ma ha tenuto il premio di 5$ sul prezzo internazionale di Londra.
 
I nuovi contratti internazionali sull’oro nel Gold Exchnage di Shangai – nella zona di  libero scambio – ha chiuso a 94$/oz sopra i prezzi internazionali di Londra.
 
“La domada di oro in Cina rimane bassa”, afferma la banca australiana ANZ, “se si raffrontano gli attuali volumi di import con quelli frenetici del 2013”.
 
“Nonostante i recenti miglioramenti, l’import di oro in India continua ad essere molto al di sotto della media mensile del 2012 e del 2013”, afferma la banca francese Natixis.
 
“Soltanto gli Stati Uniti si sono contraddistinti per un incremento della domanda fisica nei primi sei mesi di quest’anno”, ha affermato l’agenzia GFMS Thomas Reuters nel suo aggiornamento sull’oro del 2014, “con un incremento dell’8% nella produzione di gioielli, a seguito di prezzi dell’oro più deboli e un miglioramento del sentiment degli investitori”.
 
Secondo una nota di martedì dell’agenzia di consulenza Metallis, con sede a Londra,  l’Italia diverrà quest’anno un importatore netto di oro da destinare alla produzione di gioielli di lusso, per la prima volta dal 2008.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento