Oro oggi

L'oro sale quando i politici "attaccano" le banche centrali

L'oro è salito sopra i 1.200 dollari per oncia per la seconda volta in una settimana, per poi scivolare leggermente intorno ai 1.190 nel primo pomeriggio.
 
Le Borse mondiali si sono comportate positivamente, mentre i prezzi dei titoli di Stato sono andati al ribasso.
 
Con un incremento del 2,3% rispetto alla chiusura della scorsa settimana, l'oro è riuscito a fare meglio dell'1,6% rispetto all'argento che all'ora di pranzo, a Londra, veniva scambiato sui 16,46 dollari per oncia.
 
La Banca Centrale della Turchia – nazione che in passato era stata la quarta al mondo per consumi – nonostante i nuovi minimi record della Lira ha affermato di avere "molti strumenti a disposizione per combattere le manovre speculative nel mercato delle valute", riprendendo quando affermato nel discorso di ieri del presidente Erdogan che aveva detto che "non vi è differenza tra terroristi con bombe nelle proprie mani e quelli che hanno dollari, euro e tassi di interesse...".
 
"Stanno utilizzando il mercato di cambio delle valute come armi", ha continuato Erdogan.
 
Dopo aver invocato e accolto positivamente il taglio ai tassi di interesse da parte della Banca Centrale turca nel 2016 – invitando la popolazione ad acquistare oro e valuta al fine di limitare il deflusso di capitali proprio lo scorso mese – Erdogan ha affermato che la Banca Centrale "dovrebbe intervenire per sabotare questo gioco", usato in larga scala per aumentare il costo dei prestiti volti a supportare la valuta.
 
"Quando i politici iniziano ad esercitare pressione sulle banche centrali, i mercati dimostrano meno fiducia nei confronti dei governatori delle banche stesse...e questo porta a beni come l'oro ad entrare in fase rialzista", ha affermato Christopher Mahon, della Baring Multi-Asset Product.
 
"Le loro politiche sono state inadeguate sotto molti punti di vista", ha affermato Mahon durante un'intervista nella giornata di lunedì, "ed è del tutto naturale che quegli stessi politici prendano adesso posizione incolpando le banche centrali".
 
Negli Stati Uniti, "il tasso di disoccupazione ha raggiunto livelli minimi, il mercato del lavoro è forte e i salari stanno iniziando a salire", ha affermato giovedì Janet Yellen durante un discorso.
 
"L'inflazione è salita ed è appena al di sotto del nostro obiettivo del 2%", ha concluso.
 
Il prezzo giornaliero della LBMA del mattino è stato di 1.196 dollari per oncia a Londra, 10 dollari in meno rispetto al massimo di sette settimane toccato ieri.
 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento