Oro oggi

L'oro recupera metà della perdita dell'1,8% della settimana

I prezzi dell’oro salgono all’ora di pranzo a Londra, recuperando la metà della perdita dell'1,8% realizzata in settimana. Il livello di 1295$/oz è stato raggiunto subito dopo l'annuncio dei dati occupazionali americani che hanno disatteso le previsioni della maggior parte degli analisti pe ril mese di luglio.
 
Neppure l'agenzia priva ADP era riuscita in precedenza ad indovinare le previsioni. L'aggiornamento ufficiale sui Non-Farm Payrolls ha mostrato 209.000 posti di lavoro netti lo scorso mese, una diminuzione del 30% rispetto al dato di giugno ed il più basso incremento da marzo.
I mercati azionari occidentali sono diminuiti per secondo giorno consecutivo, con l’indice londinese FTSE100 al ribasso e in perdita dell'1,9% durante la settimana.
 
Il dollaro americano ha perso mezzo centesimo dal massimo del 2014 toccato all’inizio della settimana contro l’euro. Anche i rendimenti dei buoni del tesoro americano a lungo termine sono diminuiti.
 
“Non vediamo nessuna ragione per la quale l’oro dovrebbe collassare andando al di sotto dei 1000$/oz, come affermato da molti”, scrive Kieron Hodgson della Charles Stanley.
 
I mercati, la situazione tra Israele e Hamas e le tensioni geopolitiche tra Russia e Ucraina vengono ignorate dai metalli preziosi.
 
“L’oro sembra che abbia ssorbito in gran parte lo stato di agitazione politica creato attorno alla Russia e Israele”, afferma Walter de Wet, analista della divisione delle materie prime presso la Standard Bank.
 
 
“Dal nostro punto di vista tattico, consideriamo l’oro in perdita in quanto il prezzo al di sotto della media mobile a 200 giorni denota una parvenza tecnicamente debole”, aggiunge de Wet. 
 
Il miglioramento della domanda proveniente dall'Asia, seppur sensibile al prezzo, potrebbe porre un freno alla diminuzione dei prezzi...fornendo supporto nell'approccio ai 1250$/oz.
 
Fino adesso, la vendita di monete d’oro da parte della zecca di stato americana è stata meno della metà dello scorso anno nello stesso periodo, secondo i dati pubblicati nel suo sito.
 
“Luglio è tipicamente un mese poco attivo dal punto di vista delle vendite ma la domanda è stata eccezionalmente debole...la seconda più bassa quest’anno”, fa notare la CoinNews.
 
I prezzi dell’argento hanno ritracciato quelli dell’oro, dimezzando la perdita dell’1,8% della settimana per avvicinarsi alla chiusura di venerdì a 20,50$/oz, la più bassa chiusura dalla metà di giugno. 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento