Oro oggi

L’oro guadagna di più contro le valute “sicure”, il prezzo risente del tono aggressivo della Fed

Il prezzo dell’oro è scivolato giovedì a Londra, allontanandosi ulteriormente dal picco di dieci settimane di ieri, dopo che la Fed ha previsto rialzi più decisi del tasso d’interesse e Trump ha sminuito la minaccia di attacchi aerei in Siria.

“Non ho mai detto quando avverrà l’attacco in Siria, potrebbe non essere così presto!”, ha twittato Trump, dopo aver dichiarato mercoledì che la Russia dovrebbe prepararsi ai missili americani contro Bashar Al-Assad, che lo scorso fine settimana è stato accusato di attaccare i civili con armi chimiche.

Le Borse europee hanno segnato rialzi, mentre Wall Street e le Borse asiatiche sono cadute ancora una volta. I rendimenti dei titoli di Stato americani sono rimasti invariati, mentre il dollaro è sceso al valore minore in yuan cinesi del 2018 fino ad oggi, nonostante le note dell’ultimo meeting della Fed parlino di crescita ed inflazione in supporto di un aumento più veloce dei tassi d’interesse.

Osservando l’aumento del prezzo dell’oro di mercoledì, “una spinta verso il bene rifugio è stata data dalle sanzioni degli Stati Uniti verso la Russia e dall’aggravarsi delle tensioni commerciali”, ha osservato Suki Cooper di Standard Chartered.

“Gli investitori cercano un’assicurazione contro gli scenari peggiori”.

Ma i guadagni dell’oro di questa settimana sono avvenuti contro le valute considerate “sicure”, come il franco svizzero e lo yen giapponese, con aumenti del prezzo dell'oro nelle due valute rispettivamente dell’1,4% e dell’1,2%. Per quanto riguarda la domanda, la chiusura di ieri di New York ha visto SPDR Gold Trust (NYSEArca:GLD) invariato, con un sottostante fermo a 860 tonnellate di oro fisico.

Con il record di azioni di lunedì, l’ETF in oro più grande della Germania, Xetra-Gold Trust, è rimasto invariato mercoledì.

I dati di Bloomberg mostrano che Xetra-Gold è aumentato di quasi il 50% nel 2016, e di un ulteriore 14% nei quindici mesi successivi.

L’aumento di 0,50$/oncia dell’argento ha lasciato iShares Silver Trust (NYSEArca:SLV) invariato con un sottostante in argento fisico di 9.959 tonnellate.

Il resoconto del meeting della Fed mercoledì ha descritto “un accordo su una prospettiva economica positiva, e l’aspettativa di un’inflazione in crescita nei prossimi mesi su base annuale”.

“Nel breve e medio termine ... tutti i partecipanti hanno previsto una conferma della direzione della politica monetaria”.

“Alla pubblicazione del resoconto del FOMC, il prezzo dell’oro ha immediatamente perso terreno”, secondo una nota di MKS Pamp.

Toccando i 1.365$/oncia mercoledì per la seconda volta dopo il risultato del referendum sulla Brexit, il prezzo dell’oro è diminuito di 20$/oncia entro metà mattinata giovedì, diminuendo anche il guadagno di questa settimana allo 0,9% fino ad oggi.

“Anche l’argento ha raggiunto il picco di otto settimane a 16,8875$/oncia mercoledì, ed ha mantenuto un valore di 16,61$/oncia giovedì.

Il platino, dopo il picco di una settimana ieri, è tornato a 935$/oncia. 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento