Oro oggi

L’oro è legato alle dichiarazioni della Fed, +1,3% questa settimana

I prezzi dell'oro sono diminuiti venerdì pomeriggio a Londra, riducendo il guadagno della settimana al 1,3%, mentre i mercati azionari mondiali hanno proseguito l’inversione di rotta iniziata giovedì dopo 4 giorni di pesanti perdite.  
 
Nuovi dati provenienti dagli Stati Uniti hanno mostrato un miglioramento della fiducia da parte dei consumatori. Nel terzo trimestre la General Motors e Morgan Stanley hanno realizzato guadagni al di la delle previsioni iniziali, con quest’ultima banca che è stata nominata  13° market-maker del mercato all’ingrosso di oro e argento, a Londra.  
 
In un discorso nel Regno Unito, nel frattempo, Andy Haldane della Banca d'Inghilterra ha fatto eco ai commenti di giovedì di James Boullard della Fed, il quale ha affermato che la politica della banca centrale non potrà tagliare ulteriormente il livello minimo di QE.
 
"Con la posizione della Fed intenta a non innervosire i mercati", hanno affermato gli analisti della Deutsche Bank questa mattina, "crediamo che le prospettive per i prezzi dell'oro rimangano strettamente legata all'andamento della crescita statunitense e a quanto statuirà la fed nelle prossime settimane".
 
Nella tarda serata di venerdì, la Banca centrale cinese ha affermato che sta pianificando una iniezione di 33 miliardi dollari per tre mesi di prestiti agli istituti di credito più importanti, con l'obiettivo "di mantenere un livello di liquidità alta e sostenere il rallentamento dell'economia", secondo Reuters. 
 
Il premio di Shanghai sui prezzi internazioanli di Londra è sceso a 1,40$/oz, il livello più basso dalla fine di agosto, ma i volumi di negoziazioni nella zona di libero scambio per il contratto da un chilo, lanciato a metà settembre, ha raggiunto livelli superiori di tre volte rispetto al picco precedente.
 
Con una cifra pari a 100 milioni di dollari, il fatturato derivante dal contratto iAu9999, è stato quasi equivalente al 17% dei volumi di scambio del principale prodotto domestico sull’oro, nella giornata di venerdì a Shanghai. 
 
"Sappiamo che in Asia, la volatilità nel mercato dell’oro non piace", afferma un trader della Standard Bank di Londra, “ma non piacciono neppure prezzi più alti”. 
 
"L'oro sta trovando resistenza approcciando i 1243$/oz," afferma il team delle commodities della Standard Bank.  
 
La ratio oro/argento è stata la più bassa da febbraio del 2010, con il metallo grigio che si è caratterizzato per essere scambiato a 17,26$/oz, perdendo lo 0,7% su durante la settimana. 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento