Oro oggi

L'oro è aumentato di 110€ durante la presidenza di Draghi

Il prezzo dell'oro è aumentato giovedì rispetto alla maggior parte delle valute principali, mostrando un piccolo guadagno per la settimana con i mercati azionari mondiali in rialzo e l'euro al picco di 2 mesi contro il dollaro, durante la conferenza stampa finale di Draghi come capo della Banca centrale europea.
 
Dopo che la BCE lo scorso mese ha ridotto il tasso di deposito chiave al -0,5% e ha annunciato il riavvio degli acquisti di obbligazioni nell'ambito del QE, il Consiglio direttivo oggi non ha apportato alcuna modifica alla politica, preparandosi ad acquistare 20 miliardi di euro di debito dell'Eurozona ogni mese dall'inizio del Novembre.
 
Con un guadagno di 3$ per la settimana finora per gli investitori in dollari a 1.493$ per oncia, i prezzi dell'oro sono aumentati dello 0,2% anche per gli investitori in Euro.
 
Difendendo i suoi tassi negativi e le politiche di QE, "Il rischio principale è una recessione nell'economia, sia essa globale o nella zona euro", ha detto Draghi, ampiamente accreditato di "aver salvato l'euro" ma non riuscendo a stimolare riforme economiche o unione fiscale tra Governi dell'Eurozona dopo la crisi del debito del blocco del 2010-13.
 
Draghi lascia la BCE con un prezzo dell'oro in euro di circa 110€ al di sopra dei massimi raggiunti alla fine del 2011, dove l'ha trovato, meno del 5% al ​​di sotto dei massimi record di settembre a 1.418€ l'oncia.
 
L'indice EuroStoxx600 delle principali società è salito giovedì, ma ha nuovamente faticato a raggiungere i livelli record stabiliti quasi 20 anni fa, subito dopo il lancio della moneta unica.
 
 
Nel frattempo, la disoccupazione rimane maggiore del 75% nell'Eurozona a 19 nazioni rispetto al tasso medio del gruppo G7 dei paesi sviluppati, scivolando al 7,4% della forza lavoro dei 330 milioni di cittadini dell'Unione sulle ultime statistiche OCSE.
 
I rendimenti dei titoli di Stato sono terminati a settembre sotto lo zero per 11 dei 19 Stati membri (Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovacchia e Slovenia).
 
Ciò ha trascinato i tassi di interesse decennali medi dell'unione monetaria nettamente al di sotto del ritmo dell'inflazione, che non riesce a toccare l'obiettivo superiore della BCE del 2,0% da oltre un decennio sull'indice "core" del costo della vita.
 
 
"Le conseguenze della riunione della BCE di settembre sono state spettacolari", afferma il Financial Times, osservando come "i capi delle banche centrali tedesche, francesi, olandesi e austriache si sono espressi pubblicamente contro parti del pacchetto, deciso sul consiglio dei funzionari della banca centrale e [poi] attaccato da un gruppo di ex rappresentanti, ora in pensione, della stessa BCE".
 
Mentre "la maggior parte dei dissidenti ha cercato di seppellire l'ascia di guerra guardando avanti ai grandi problemi che potrebbero presentarsi" al suo successore Christine Lagarde del FMI, prosegue il Financial Times, "gli economisti affermano che il contraccolpo pubblico indebolisce la credibilità della BCE e potrebbe rendere più difficile per questa allentare ulteriormente la politica monetaria in futuro".
 
Svezia e Norvegia, hanno entrambi lasciato invariati i tassi di riferimento chiave giovedì, ma la Riksbank di Stoccolma - la prima banca centrale a diventare negativa nel 2009 - ha segnalato che prevede di aumentare i costi del debito svedese nella prossima riunione.
 
"Il tasso di interesse molto probabilmente sarà portato a dicembre allo zero per cento", ha dichiarato la Riksbank nella sua dichiarazione politica. "[Ma] l'incertezza sullo sviluppo dell'attività economica e dell'inflazione ... è considerevole. [Le nostre] previsioni indicano che il tasso di interesse rimarrà invariato per un periodo prolungato".
 
"A mio avviso è incomprensibile", afferma a Reuters Michael Grahn, analista di Danske Bank. "L'intero quadro economico è più debole di quanto la Riksbank si aspettasse ... l'inflazione è bene al di sotto dell'obiettivo e le aspettative scendono.
 
"Altre banche centrali si stanno muovendo nella direzione opposta".
 
Qui a Londra, nel frattempo, il governo conservatore di minoranza ha iniziato quello che molti esperti hanno intrapreso come campagna preelettorale, prendendo di mira gli utenti di Facebook con annunci pubblicitari sostenendo che l'accordo proposto dal Primo Ministro Johnson con l'Unione europea per lasciare l'UE a Halloween è stato "approvato solo dal Parlamento" ma è stato "ritardato" dal partito laburista di opposizione.
 
Bruxelles dice che deciderà domani sulla richiesta di Johnson di un'estensione Brexit fino a gennaio.
 
Nel frattempo il presidente degli Stati Uniti Trump ha annunciato che gli Stati Uniti stanno abbandonando l'accordo di Parigi sulla riduzione delle emissioni di CO2 , mentre i sostenitori del Partito repubblicano al Congresso hanno fatto irruzione in un'audizione a porte chiuse dell'indagine di impeachment guidata dai democratici, sulla base del tentativo di Trump di chiedere un potere straniero di indagare su Joe Biden.
 
Il prezzo dell'oro in sterline oggi è aumentato di 10£ rispetto al livello di venerdì scorso - la chiusura settimanale più bassa in 12 - per raggiungere 1.158£ l'oncia, ancora circa il 10% in meno rispetto al nuovo massimo di inizio settembre.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento