Oro oggi

L'oro diminuisce contro il dollaro con il retail americano forte, preoccupazioni sul rallentamento cinese

Il prezzo dell’oroè sceso al minimo da 7 sessioni contro un dollaro in rialzo a Londra, scendendo sotto i 1.235$ l'oncia mentre gli Stati Uniti hanno riportato una crescita delle vendite al dettaglio migliore del previsto, ma i dati economici della Cina hanno deluso le previsioni degli analisti.
 
Mentre gli Stati Uniti hanno mostrato un retail -escluse automobili, gas ed alimentari- molto forte a novembre, la Cina - la seconda più grande economia mondiale e primo consumatore d'oro - ha registrato il ritmo più lento di crescita del retail dal 2003 e il più lento aumento della produzione industriale da Capodanno 2016.
 
I prezzi del rame e del greggio sono calati dopo le notizie sulla Cina, con rispettivamente  un -15% e -'8% per il 2018.
 
"La necessità di tagliare tasse, tariffe e tassi di interesse è ulteriormente aumentata", afferma un economista cinese.
 
"La domanda insufficiente è diventata il problema principale".
 
"Fino a quando i tagli alla produzione dell'Opec non cominciano ad avere degli effetti, il mercato [dell'energia] è sovraffollato a breve termine", ha osservato il gruppo giapponese Mitsubishi.
"Un rallentamento della Cina è sicuramente una preoccupazione."
 
"Un altro giorno lento per l'Asia con molto poco da segnalare", ha indicato l'ultima nota di MKS Pamp.
 
I prezzi dell'oro di Shanghai sono rimasti fermi in yuan durante la notte, mantenendo il premio rispetto alle quotazioni di Londra - una misura della domanda locale e delle condizioni di offerta - superiore alla media storica di 9$ l'oncia.
 
 
I prezzi dell'argento sono calati venerdì mattina sotto 14,60$/oncia, circa l'1,5% sotto il massimo di 6 settimane di ieri.
 
I prezzi del platino sono scivolati al di sotto dela chiusura della scorsa settimana, a 792$ l'oncia, circa il 4,5% sopra il minimo di 15 anni di agosto.
 
Il gigante coreano Hyundai ha dichiarato questa settimana che sta investendo 6,7 miliardi di dollari per far crescere la produzione di veicoli alimentate da celle ad idrogeno - che hanno bisogno di platino come catalizzatore per produrre energia mescolando idrogeno con ossigeno - a mezzo milione di unità l'anno entro il 2030.
 
Pechino ha confermato oggi che sospenderà il 25% di tariffe sui veicoli prodotti negli Stati Uniti per 3 mesi a partire da Capodanno, parte della "tregua" alla guerra commerciale concordata tra Donald Trump e Xi Jinping al recente vertice del G20.
 
"[Ma] la guerra commerciale in corso rimane un ostacolo, tregua o non tregua", afferma l'agenzia di brokeraggio statunitense Brown Brothers Harriman.
 
Nel frattempo, la crescita della produzione nell'Eurozona ha mostrato un rallentamento nelle prime indagini di dicembre dell'agenzia Markit, mentre l'inflazione in Italia ha mancato le previsioni degli analisti mantenendo l'1,6% annuo a novembre.
 
"In alcuni periodi degli ultimi anni, il QE è stato l'unico responsabile di questa ripresa", ha detto il presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi, dopo aver mantenuto invariati i tassi di interesse e gli acquisti di asset del QE nell’Eurozona. 
 
Intervistato sulla possibilità che la BCE sia pronta a utilizzare o meno gli acquisti di asset nel 2019, Draghi ha risposto: "Non abbiamo dovuto discuterne perché abbiamo deciso che la nostra linea di base è ancora valida".
 
"I salari sono in costante aumento dal 2016 ... Questo fenomeno è abbastanza ampio, non limitato a un paese, ed in tutti i settori".
  
L'oro in euro è stato scambiato a solo 1 euro al di sotto del valore di venerdì scorso, attestandosi a 1.095€/oncia.
 
Nel frattempo, il prezzo dell'oro in sterline ha registrato un guadagno settimanale dello 0,3% a 984£  dopo che il primo ministro Theresa May ha fallito nell’intento di ottenere ulteriori chiarimenti o rassicurazioni dall’UE sulla parte del "backstop" irlandese del suo accordo Brexit.
 
I cittadini britannici non avranno bisogno di un visto per visitare gli stati dell'UE, ma dovranno pagare una tassa di 7€ dopo che il periodo transitorio della Brexit termina nel 2021, secondo quanto ha affermato oggi la Commissione Europea.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento