Oro oggi

Le tensioni geopolitiche continuano a fornire supporto al prezzo dell'oro

Il prezzo dell’oro è rimasto invariato a 1308$/oz, nella giornata di mercoledì mattina a Londra. Il mercato azionario americano ha fatto segnare un nuovo record nonostante una nuova ondata di violenza che ha caratterizzato sia il territorio ucraino che palestinese.
 
Le Nazioni Unite hanno affermato che vi è una forte possibilità che Israele abbia violato il diritto internazionale, fino al punto di poter essere accusato di crimini di guerra.
 
Sul fronte Ucraino, invece, Kiev ha attribuito la responsabilità dell’abbattimento dell’aereo malesiano MH17 alle forze separatiste filorusse.
 
“I prezzi per l’acquisto di oro recentemente hanno guadagnato qualcosa come conseguenza delle tensioni geopolitiche”, afferma un report della banca olandese ING.
 
 
“La diminuzione dei rendimenti dei buoni del tesoro americani a lungo termine sono stati di supporto per l’oro ma...la pressione sul rialzo dei rendimenti e la deludente domanda fisica proveniente dalla Cina e dall’India rappresentano le forze negative”, conclude la ING.
 
I rendimenti offerti per i buoni del tesoro americani trentennali sono scesi vicino al minimo di 13 anni nella giornata odierna, secondo un operatore finanziario di New York citato da Bloomberg.
 
I titoli obbligazionari del Regno Unito sono scesi nella giornata odierna, così come la sterlina nel mercato delle valute, a seguito della notizia riguardo al mantenimento dei tassi di interesse fermi allo 0,5% da parte della Banca di Inghilterra, per il 64esimo mese consecutivo.
 
I prezzi dei rendimenti dei buoni dello stato italiano sono saliti ancora per far segnare il miglior incremento dal 2010 e spingendo i rendimenti offerti ai nuovi acquirenti al 2,76%, appena un terzo dal picco della crisi dell’Eurozona del tardo 2011.
 
Il fondo speculativo SPDR, dopo aver venduto oro nella giornata di lunedì, ha aggiunto 1,5t a seguito di nuove richieste da parte degli investitori decisi a incrementare le loro posizioni in oro attraverso fondi ETF e portando il totale posseduto dal fondo a 803t.
 
In Cina, la diminuzione dei prezzi è stata sfruttata dagli investitori alla ricerca di “occasioni”, secondo una nota del gruppo svizzero MKS.
 
“Nonostante gli acquisti, a Shangai l’oro è stato scambiato ad un prezzo inferiore rispetto all’indice internazionale di Londra”, conclude la MKS.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento