Oro oggi

Il prezzo dell'oro in Cina crolla al di sotto del prezzo di Londra per la prima volta nel 2013

Il prezzo dell’oro al mercato di Londra è tornato a $1348 all’oncia durante la mattina di martedì, dimezzando un crollo precedente dello 0,9% dopo che il contratto più attivo in Cina ha chiuso al di sotto del prezzo di riferimento di Londra per la prima volta durante il 2013.
 
Gli scambi durante la nottata sono stati “molto lenti” secondo quanto riportato da un dealing desk.
 
Il prezzo dell’oro è poi sceso di $12 all’oncia in dieci minuti, toccando un minimo di $1341, circa l’1,5% in meno rispetto al nuovo massimo di 5 settimane toccato lunedì.
 
Il contratto scambiato più attivamente a Shanghai ha chiuso la giornata all’equivalente di $1350,15 all’oncia al di sotto del prezzo del mercato internazionale riferito a Londra, di $1353,70.
 
La scorsa settimana, i prezzi al Shanghai Gold Exchange sono rimasti ad un premio di $7 rispetto al prezzo di riferimento di Londra, dopo aver avuto un picco di premio di $30 quando il prezzo è crollato da aprile a giugno, causando importazioni record in quella che è la seconda nazione più grande per consumo al mondo.
 
“L’oro ha raggiunto il livello di ritracciamento di $1362 con indicatori di massimi” si legge in un’analisi della banca di investimento francese Societe Generale. “Aspettiamoci un consolidamento.”
 
“La pressione immediata al rialzo” replica l’analisi tecnica del team di Commerzbank, “verrà mantenuta mentre il prezzo dell’oro rimane oltre i 1329,85, il minimo del 19 ottobre nella chiusura del grafico giornaliero.”
 
“L’oro rimane in un trend rialzista oltre il minimo del 15 ottobre a $1251” dice Scotiabank di New York.
 
“Rimaniamo bullish, come obiettivo un ritracciamento pieno del massimo di $1433” toccato ad agosto.
 
“Il prezzo dell’oro è guidato dai mercati valutari” scrive Reuters citando un dealer di Hong Kong.
 
Gli analisti di ANZ Australia hanno dichiarato oggi che “continueremo a vedere l’oro in una posizione precaria, mentre la domanda fisica per il metallo rimane leggera” riferendosi alla “domanda debole della Cina e le continue vendite degli ETF” da parte delle istituzioni occidentali.
 
I prezzi dell’oro in India sono aumentati ulteriormente, comunque, spingendo il prezzo dell’oro a 22 carati a Mumbai all’equivalente di $1470 all’oncia.
 
A causa delle politiche anti importazione contro l’oro che in effetti chiudono le forniture legali del più importante consumatore al mondo, Sifi Finance oggi ha valutato l’oro 24 carati all’equivalente di $1600 all’oncia.
 
“C’è una fluttuazione enorme nel prezzo dell’oro e il materiale grezzo non è disponibile” considera Haresh Soni, presidente della All India Gems & Jewellery Trade Federation (GJF).
 
“Per questo Dhanteras” che venerdì segna l’inizio delle festività che segnano l’acquisto di oro per il Diwali, “abbiamo notato un calo della domanda del 90%” ha dichiarato Soni.
 
D’altra parte, invece, il Business Standard a Mumbai cita i venditori locali, secondo cui gli acquisti prima del Diwali sono già aumentati del 15% rispetto allo stesso periodo del 2012.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento