Oro oggi

Il prezzo dell'oro blocca l'impennata dell'inflazione americana, mentre azioni, obbligazioni e criptovalute affondano

Lunedì i prezzi dell'oro hanno annullato l'intera impennata di 30 dollari di venerdì in termini di dollaro americano, ma si sono mantenuti vicini ai massimi mensili in euro, sterlina e nella maggior parte delle altre valute principali. Nel frattempo, i mercati finanziari globali sono ulteriormente sprofondati in seguito ai nuovi dati sull'inflazione statunitense, che la scorsa settimana hanno raggiunto a sorpresa i massimi di quattro decadi, scrive Atsuko Whitehouse di BullionVault.

Le azioni sono crollate, così come le criptovalute: il Bitcoin ha toccato i minimi di 18 mesi mentre la borsa n. 1 e un importante prestatore di criptovalute hanno sospeso i prelievi da parte dei clienti. Anche le materie prime sono scese, con il greggio che è sceso rispetto al tentativo della scorsa settimana di raggiungere nuovi massimi di 14 anni in seguito alle sanzioni contro la Russia per la sua continua invasione dell'Ucraina.

Il crollo dei prezzi delle obbligazioni ha visto i tassi di interesse sul debito del Tesoro statunitense a 2 anni balzare ai massimi dalla crisi finanziaria globale del 2008, salendo al di sopra dei tassi a 10 anni e invertendo così la curva dei rendimenti, in quella che appare essere una ripetizione dell'allarme recessione di marzo.

I prezzi dell'oro in dollari sono scesi a 1840 dollari l'oncia dopo aver toccato un massimo di un mese a 1879 dollari nei mercati asiatici di lunedì.

I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono saliti all'8,6% a maggio, il livello più alto dal dicembre 1981, mentre il “sentiment” dei consumatori statunitensi, secondo l'indice dell'Università del Michigan, è sceso al minimo storico a giugno.

"Temo che [l'inflazione] sia destinata a peggiorare", ha dichiarato domenica Mohamed El-Erian, consulente economico capo della multinazionale tedesca di servizi finanziari Allianz. 

Siamo ora in un periodo di stagflazione, ovvero di crescita più bassa e inflazione più alta.

"La prospettiva più cupa è che l'inflazione persista, arrivi al 9% e la gente inizi a preoccuparsi che possa arrivare al 10% e oltre".

Dopo che lunedì la Barclays Bank, con sede nel Regno Unito, è stata la prima grande istituzione a prevedere che la Federal Reserve aumenterà il suo tasso di interesse di tre quarti di punto percentuale nella riunione di mercoledì (primo aumento di questo tipo dal 1994), i rendimenti dei titoli del Tesoro a 3, 5 e 7 anni sono balzati oggi al di sopra del rendimento del trentennale, unendosi allo spread 10-2 nel segnalare che gli investitori obbligazionari ritengono che i tassi di interesse dovranno scendere di nuovo in futuro, segnalando i timori di una recessione economica.

Secondo lo strumento FedWatch del CME, gli operatori dei futures sui tassi di interesse vedono ora una probabilità su cinque di un rialzo di 75 punti base dei tassi all'1,75% nella riunione di mercoledì (rispetto a una probabilità di appena 1 su 30 una settimana fa).

Con la previsione più diffusa che la Fed aumenti i tassi di interesse di un altro mezzo punto percentuale, il Dollar Index (misura del valore della valuta statunitense rispetto alle sue principali controparti) è salito bruscamente lunedì mattina a un nuovo massimo di tre settimane sopra 104, vicino ai massimi di due decenni di questa primavera.

La forza della valuta americana ha spinto lo yen giapponese al ribasso per la settima sessione consecutiva, toccando un minimo di 24 anni di ¥135 per dollaro.

Nel frattempo, il prezzo dell'oro all'ingrosso sul mercato spot è rimasto fermo a 1519 sterline l'oncia per gli investitori britannici, in seguito alla notizia che l'economia del Regno Unito si è ridotta ad aprile, mancando le previsioni e confermando che la ripresa post-pandemia si è arrestata a gennaio.

Secondo un economista, “il Regno Unito è pericolosamente vicino a una recessione

L'oro in euro è sceso dello 0,6% a 1768 euro l'oncia mentre le azioni europee sono crollate lunedì, con lo Stoxx 600 paneuropeo che ha perso il 2,2%. 

Nel frattempo il Bitcoin è crollato fino al 12%, scendendo sotto i 24.000 dollari, il minimo degli ultimi 18 mesi, mentre il peggioramento del crollo delle criptovalute ha visto Binance (il più grande exchange al mondo per questi asset digitali) vietare a tutti i suoi utenti di ritirare i propri Bitcoin dopo che il prestatore di criptovalute Celsius ha messo in pausa i prelievi, gli scambi e i trasferimenti sulla sua piattaforma. 

 

Editing e traduzione a cura di Douglas Da Silva

Atsuko Whitehouse è a capo del mercato giapponese su BullionVault, e l'editrice della sezione Notizie Oro giapponese.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento