Oro oggi

Crolla l'oro, prezzi in ribasso del 2,5% rispetto a ieri mattina

L'oro è crollato andando sotto i 1.271$/oz durante la mattinata di scambi a Londra, con prezzi in ribasso di oltre 25$/oz rispetto alla chiusura della scorsa settimana.
 
Nel mercato delle valute la sterlina si è comportata positivamente, ma i mercati azionari europei non sono riusciti a ripetere il forte rally di ieri, nonostante i sondaggi provvisori sul voto di giovedì vedano l'uscita del Regno Unito dall'UE sempre più lontana.
 
Toccando il prezzo di 1.315$/oz la scorsa settimana, l'oro è scivolato fino a 1.270$/oz, in ribasso del 2,5% dall'inizio degli scambi di ieri.
 
I prezzi del petrolio hanno perso oltre l'1,5%, mentre l'argento è scivolato dell'1,5% rispetto al prezzo di chiusura della scorsa settimana, per essere scambiato intorno ai 17,22$ per oncia.
 
"Il partito dei favorevoli alla permanenza del Regno Unito all'interno dell'Unione Europea sembra essere tornato in testa", ha affermato Jonathan Butler del gruppo Mitsubishi, "e pertanto l'oro è scivolato, mentre la sterlina ed il mercato azionario hanno entrambi guadagnato terreno".
 
"I mercati potrebbero caratterizzarsi per una certa volatilità nei prossimi giorni...Un voto favorevole alla permanenza del Regno Unito nell'UE sarebbe ribassista per l'oro a breve termine, mentre un forte rally del metallo potrebbe verificarsi nel caso opposto".
 
La sterlina inglese è salita ai massimi del 2016 durante la notte, mentre il prezzo dell'oro in sterline è stato di 861£ per oncia per gli investitori del Regno Unito, un crollo di quasi l'8% dal massimo di tre anni di giovedì scorso.
 
Il Fixing in yuan sull'oro a Shanghai è rimasto invariato rispetto a lunedì.
 
Se la popolazione si dovesse schierare a favore del Brexit "ci aspettiamo prezzi dell'oro in rialzo di almeno il 10% fino a 1.400$ per oncia", afferma una nota della banca Societe Generale, "con un forte incremento dei prezzi che si estenderebbe a tutto il settore dei metalli preziosi".
 
"Ma se gli aventi diritto al voto si schierassero a favore della rimanenza del Regno Unito nell'UE dovremmo attenderci prezzi in ribasso, anche a ragione della mancanza di domanda da parte dei mercati asiatici fino a questo momento".
 
"Non è detto che vedremo una significante correzione dei prezzi dell'oro, anche se si rimanesse nell'UE", afferma una nota della TD Securities canadese.
 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento