Oro oggi

Cresce il PIL cinese, gli scambi di oro rallentano

Giovedì a Londra i prezzi dell’oro in dollari hanno mostrato una decisa ripresa, a seguito di un’ulteriore contrazione della valuta americana dopo i nuovi dati sulla crescita economica della Cina, in aumento per la prima volta dal 2010. 
 
Il prezzo dell’oro ha avuto un aumento di 5$, ma non è rimasto sopra la soglia di 1.330$/oncia.
 
Intanto le equity mondiali hanno esteso il record storico di ieri nella Borsa di New York. 
 
I dati ufficiali di Pechino descrivono una crescita del PIL del 6,9% nel 2017, aumento più veloce dal 2015.
 
Senza tenere conto dell’inflazione, il PIL nominale in yuan è cresciuto poco meno dell’11% nel quarto trimestre, secondo i dati ufficiali dell’Istituto nazionale di statistica della Cina, percentuale che rappresenta la crescita annuale più veloce dal 2011, l’anno in cui il prezzo dell’oro ha toccato i massimi storici in dollari. 
 
 
Dopo il grosso volume di scambi di mercoledì, durante i nuovi record di Wall Street, “oggi la situazione è più tranquilla, paragonata a ieri sera”, osserva una nota di giovedì della divisione asiatica di MKS Pamp. 
 
“L’oro ha perso terreno rispetto al picco di quattro mesi di lunedì, ma si osserva un supporto a 1.235$/oncia, e ci aspettiamo molta domanda  sopra i 1.300$/oncia”.
 
Il prezzo dell’oro in yuan è sceso al punto più basso di due settimane negli scambi di Shanghai di giovedì, ma il premio rispetto al prezzo di Londra è salito ad 8,30$/oncia.
 
Il Capodanno cinese coinciderà con San Valentino, e rappresenterà il periodo di maggiori acquisti di oro a livello mondiale. 
 
“I consumi hanno guidato questa crescita” del PIL cinese nel 2017, ha dichiarato Xinhua, “contribuendone per il 58,8%”.
 
“I dati del PIL probabilmente non mostrano la reale entità di questa ripresa, viste le falsificazioni precedenti, volte a mascherare i rallentamenti”, ha dichiarato il Financial Times questa settimana. 
 
Tre regioni hanno modificato al ribasso il resoconto delle entrate dei governi locali nel 2017, ammettendo quelle che le autorità della città di Baotuo hanno chiamato “ false aggiunte”.
Le Borse cinesi sono in rialzo, così come la Borsa di Mumbai e le Borse europee. 
 
La Borsa di Tokyo e quella di Londra sono in ribasso, mentre le rispettive valute hanno mantenuto una posizione forte nel mercato. 
 
La Banca d’Inghilterra ha mantenuto i tassi d’interesse allo 0,5%, puntando ad un’inflazione annuale del 2%, ed i nuovi dati ufficiali parlano di un’aumento del 3% a dicembre dell’indice dei prezzi al consumo. 
 
 
I risultati dei nuovi sondaggi, pubblicati mercoledì, indicano che il partito di Jeremy Corbyn sta perdendo consenso, e che gli elettori inglesi potrebbero scegliere di restare nell’Unione Europea in un secondo referendum, se ne avessero la possibilità. 
 
Il progetto di legge per l’uscita dall’Unione Europea – parte della preparazione all’indipendenza del sistema inglese dall’UE a marzo 2019 – ora affronta nuovi oppositori nella House of Lords, dopo essere passata alla House of Commons con 324 voti favorevoli e 295 contrari, con molti politici del Labour Party che, dissociandosi  dal partito, hanno votato contro.
 
Secondo il Ministro delle finanze francese Christian Noyer, Londra rimarrà il primo centro finanziario nell’ Europa post-brexit. Parigi sta riguadagnando l’importanza a livello finanziario che ha perso negli ultimi vent’anni. 
 
L’oro in euro ha perso l’aumento delle ultime due settimane, tornando ai livelli di chiusura del 2017 a 1.086€/oncia. 
 
Con l’aumento della sterlina nel mercato delle valute, il prezzo dell’oro nella valuta britannica è tornato al minimo di tre settimane di mercoledì. 
 
Il governo americano sta considerando di sanzionare la Cina per “ grossi danni”, secondo quando dichiarato dal presidente Trump, relativi a violazioni delle proprietà intellettuali. 
 
Secondo dichiarazioni rilasciate mercoledì da fonti vicine alla Casa Bianca, Trump starebbe cambiando idea su “ cosa sia veramente fattibile” in riferimento al progetto del muro tra Stati Uniti e Messico , notizia che il presidente stesso ha smentito oggi su Twitter

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento