Oro oggi

Chiusura settimanale dell'oro al minimo di quattro mesi, si riduce la montagna del debito negativo

Il prezzo dell'oro si dirige verso la chiusura settimanale più bassa in 4 mesi venerdì, scendendo di 10$ l'oncia dal livello dello scorso fine settimana, mentre i mercati azionari asiatici si sono ritirati ma le azioni europee si sono spinte più in alto inseguendo i record storici di Wall Street.
 
Scambiato a  1.454$, il prezzo dell'oro in dollari ha perso il 6,7% dal massimo di sei anni e mezzo di settembre.
 
Nel frattempo, i prezzi dei titoli di Stato principali sono scesi, facendo salire i tassi di interesse a lungo termine e rendendo i rendimenti del Bund tedesco a 10 anni meno negativi a -0,35% all'anno.
 
"Guardando al futuro", afferma una nota dell'analista Bernard Dahdah presso la banca francese di lingotti Natixis, "il rischio di crescita negli Stati Uniti è al rialzo" dopo che il PIL di questa settimana e i dati sui beni durevoli hanno entrambi superato le aspettative di Wall Street.
 
Poiché il balzo del 22% dei prezzi dell'oro nell'estate 2019 "è stato principalmente guidato" dai tagli dei tassi della Fed, Dahdah continua - e con quel ciclo di riduzione dei tassi "ora concluso" - "le nostre previsioni sui prezzi per il 2020 sono state ridotte a una media di  1.370$.
 
"Detto questo, prevediamo un rischio al ribasso limitato, a causa del sostanziale valore di 12,5 trilioni di dollari di debito a rendimento negativo, che costituirà un sostegno al prezzo dell'oro".
 
La stessa cifra ha raggiunto il picco di 17 trilioni di dollari mentre i prezzi dell'oro hanno raggiunto il picco quasi 3 mesi fa.
 
 
Le vendite al dettaglio della Germania e la spesa dei consumatori francesi per ottobre sono risultate venerdì più deboli delle previsioni degli analisti.
 
Nel frattempo, l'indebitamento delle famiglie britanniche è cresciuto, secondo i nuovi dati, grazie a un boom del credito non garantito che si contrappone a un calo a sorpresa delle nuove approvazioni dei mutui.
 
"Anche la domanda di oro da parte dei due maggiori consumatori mondiali è stata debole", afferma Dahdah di Natixis.
 
I premi di Shanghai sulle quotazioni di Londra per l'oro in Cina questa settimana in media sono stati di solo 3,15$ l'oncia: solo un terzo del solito incentivo per le nuove importazioni, il che riflette la domanda debole rispetto all'offerta nel primo paese al mondo per il consumo di oro. 
 
Il secondo, l'India, dopo le deboli vendite di oro durante il festival Diwali del mese scorso, approverà nuove leggi che rendono obbligatoria la marchiatura dei gioielli in oro dal 1° gennaio 2020, riferiscono oggi i media locali - una mossa destinata a "danneggiare le vendite di oro che stanno già rallentando" secondo le figure del settore.
 
" La mancata osservanza potrebbe comportare restrizioni sui prodotti di oro indiani da parte di altri paesi firmatari dell'OMC", afferma The Print.
 
Ma "La mancanza di consapevolezza tra gioiellieri e consumatori è un grosso ostacolo", afferma Santosh Salunkhe dell'Associazione indiana dei centri di garanzia, "[e] non c'è richiesta di gioielli con marchio di garanzia".
 
I raffinatori che riciclano gioielli indiani riferiscono che, invece della purezza del 91% promessa (e pagata da) consumatori che desiderano la classificazione standard a 22 carati del paese, la finezza media è solo del 60%.
 
Con i mercati statunitensi destinati a riaprire per il commercio dopo le festività del Ringraziamento di ieri, l'indice EuroStoxx 600 è aumentato per la quarta volta in 5 sessioni per mostrare guadagni dell'1,4% per la settimana.
 
Nel frattempo, il prezzo dell'oro nella moneta unica Euro è scivolato dello 0,3% dallo scorso venerdì, scendendo a 1.322€.
 
I prezzi dell'oro nel Regno Unito oggi hanno mantenuto 5£ l'oncia sopra il minimo di quattro mesi e mezzo della scorsa settimana a 1.123£.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento