Oro oggi

Chiusura record per l'oro in euro, Trump contro l'UE, epidemia Coronavirus

L'oro è rimasto sui 1.557$/oncia venerdì, vicino alla chiusura della scorsa settimana. Le Borse mondiali hanno segnato nuovi record, mentre i maggiori titoli di stato sono diminuiti di prezzo e l'epidemia del Coronavirus si è espansa ad altri stati. 

Singapore e Vietnam hanno annunciato nuovi casi del virus, che ieri è stato identificato negli USA, ed ha colpito 800 persone nel mondo. Il comitato d'emergenza Cobra del Regno Unito ha indicato un'altissima probabilità che si verifichino casi entro i confini. 

Dopo aver bloccato in quarantena la regione dello Wuhan ed avervi inviato l'esercito, Pechino ha fermato i trasporti pubblici di dodici altre città, lasciando a piedi 36 milioni proprio all'inizio del Capodanno cinese. 

L'oro è in carreggiata per il settimo guadagno settimanale in euro, verso una chiusura record 1.412€/oncia, ma è diminuito invece in sterline e yen. 

La scorsa settimana, nuovi datio hanno mostrato il minor ricorso a sussidi di disoccupazione negli USA di 50 anni, mentre la fiducia dei consumatori nell'Eurozona rimane più negativa delle aspettative degli analisti. 

Un giorno dopo l'annuncio della BCE di voler arrivare ad una "inflazione robusta" prima di rivedere il programma del QE, i produttori dell'Eurozona hanno riportato un miglioramento del business nel sondaggio Markit, ma l'attività continua a ridursi da 12 mesi. 

La produzione inglese è cresciuta questo mese per la prima volta dall'ottobre del 2018, guidata dal "rimbalzo di Boris", così chiamato dai giornali, ovvero l'effetto delle ultime elezioni e la conferma della Brexit a fine mese. 

Zittendo le voci di taglio dei tassi d'interesse della Bank of England, i dati sulla produzione hanno aiutato la sterlina ad aumentare nel mercato delle valute, facendo perdere all'oro 5£ questa settimana a 1.090£/oncia, -100£ dal picco di settembre. 

Al World Economic Forum di Davos Trump ha detto che dopo Cina, Messico e Canada "si rivolgerà all'Europa", riferendosi ai piani di tassare le auto europee in entrata negli USA al 25% in caso non si raggiungesse un accordo. La Francia ieri ha sospeso i piani di tassare i giganti tecnologici USA per le vendite digitali ai residenti, mentre il Regno Unito ha indicato che continuerà con lo stesso piano per una tassazione proporzionata e temporanea.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento