Oro oggi

Argento e oro invariati in Cina, mentre a Londra toccano il massimo di 14 settimane

I prezzi dell’oro e dell’argento sono  saliti martedì mattina a Londra, appena dopo la chiusura degli scambi in Cina. Entrambi i metalli hanno raggiunto il massimo di 14 settimane, prima di ridursi lievemente.
 
“Nella giornata di lunedì, il mercato azionario statunitense ha fornito un certo supporto per i prezzi dell’oro, ma non è riuscito ad innescare la corsa agli acquisti che pareva fosse evidente la scorsa settimana ”, afferma una nota di un operatore finanziario.
 
Il gigantesco fondo speculativo SPDR, lunedì ha incrementato il quantitativo di oro di 2,4 tonnellate per arrivare a quota 782 tonnellate, facendo registrare il più grosso incremento giornaliero dalla fine di maggio. 
 
“Gli investitori professionali, però, non sono concentrati sull’oro. Eccetto gli eventi temporanei in Ucraina e Irak, non vi è nessuna ragione particolare che possa portare ad un incremento dei prezzi dell’oro a lungo termine”, afferma John Toohey della USAA Investiments, intervistato da Bloomberg.
 
L’oro è salito di 10$/oz tra le 8 e le 10 del mattino di Londra nella giornata di martedì, toccando il livello di 1325$/oz.
 
Il Fixing dell’argento a Londra è stato di 21,12$/oz, il livello più alto dal 17 marzo.
 
Nel frattempo, i prezzi dell’oro a Shangai sono rimasti invariati martedì contro lo yuan, anche se il premio di 1,40$/oz che aveva caratterizzato gli scambi di lunedì si è trasformato in uno sconto sul prezzo, nel momento in cui la moneta è salita nel mercato delle valute.
 
La Metalor, compagnia di raffinazione svizzera, ha affermato di essere in procinto di partecipare come membro fondatore al nuovo mercato internazionale di Shangai, in cui sarà lanciata una zona franca di scambio questo autunno.
 
“La Cina avrà molto da dire sul prezzo dei metalli nel suo mercato domestico, ma a causa delle sue limitazioni strutturali...non potrenno influenzare fin da subito i prezzi mondiali”, afferma Scott Morrison della Matalor, secondo quanto riportato da Reuters.
 
L’esportazione di lingotti è molto limitata in Cina mentre l’import, attravero Hong Kong, ha fatto registrare il dato record di 1300 tonnellate.
 
“Disporre di un prezzo locale per i mercati locali assicurerà maggiore efficienza nei mercati stessi. La conseguenza dello sviluppo di più mercati porterà maggiore equilibrio nei prezzi dei metalli preziosi”, afferma Ruth Crowell della LBMA.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento