Oro oggi

+0,8% l'oro, +6,7% il greggio con l'attacco USA all'Afghanistan

I lingotti scambiati nel mercato all'ingrosso di Londra si sono mantenuti a 1.500$ l'oncia per la quarta sessione in corso venerdì, dirigendosi verso il loro primo guadagno settimanale in quattro mentre il greggio è aumentato, ma i mercati azionari mondiali hanno mostrato segni di cedimento.
 
Rifiutando ancora di confermare o negare i piani di attacco all'Iran, a seguito dell'azione dello scorso fine settimana contro le principali strutture petrolifere dell'Arabia Saudita, Washington venerdì ha rivendicato l'attacco con droni di ieri in Afghanistan dove sono stati uccisi 30 agricoltori - "danno collaterale" secondo un portavoce - in quello che era inteso come un attacco ai terroristi dell'ISIS.
 
Con le proteste degli ' scioperi climatici' che si terranno venerdì in tutto il mondo, i prezzi del greggio sono saliti ad oltre 58,50$ al barile nel benchmark statunitense WTI, oltre il 6,7% in più questa settimana ma ancora sotto il picco storico di lunedì.
 
"Qualsiasi negoziato con l'Iran è destinato al fallimento", ha dichiarato l'ex consigliere del presidente americano Donald Trump, John Bolton, a un evento privato questa settimana, incolpando l'incapacità del presidente di attaccare Teheran prima dell'ultima aggressione della Repubblica islamica.
 
L'incertezza sugli attacchi sauditi e la probabile risposta degli Stati Uniti " stanno mantenendo intatta la domanda dell'oro come bene rifugio", afferma Reuters, citando la mediatrice indiana Vandana Bharti, analista di SMC Comtrade.
 
"Le spinte all'oro rimangono il rischio sia finanziario sia geopolitico", scrive Rhona O'Connell, responsabile delle analisi di mercato estero per la società di intermediazione statunitense INTL FCStone.
 
Venerdì la filiale di New York della Federal Reserve ha offerto 75 miliardi in prestiti da un giorno, per il quarto giorno consecutivo, cercando di allentare i tassi di interesse di mercato al nuovo obiettivo della Fed dell'1,75% a seguito del taglio ampiamente previsto di questa settimana.
 
I rendimenti dei titoli di Stato statunitensi e di altri importanti paesi sono in calo, con una modesta variazione del debito del Tesoro USA a 10 anni all'1,78% annuo.
 
Questo è ancora nettamente al di sopra dei minimi di 3 anni dell'1,47% di inizio settembre.
 
 
"Abbiamo notato la scorsa settimana che c'era una sporadica domanda di oro", continua O'Connell alla INTL.
 
"Questa sembra aumentare, anche se non proprio in fretta".
 
Mentre il gigante SPDR Gold Trust (NYSEArca: GLD) giovedì non ha visto cambiamenti nelle partecipazioni degli investitori, l'ETF sull'oro n. 2 - il prodotto iShares IAU - è cresciuto dello 0,4%.
 
Raggiungendo una nuova dimensione record di azioni in circolazione, IAU ha bisogno di 334 tonnellate di lingotti d'oro per sostenere il suo valore, quasi due quinti della dimensione di GLD.
 
Con il prezzo dell'oro in dollari in aumento dello 0,8% rispetto allo scorso venerdì, il prezzo in euro dei lingotti d'oro di grandi dimensioni ha mostrato un aumento dell'1,1% per la settimana, attestandosi a 1.360€ l'oncia - un nuovo record assoluto quando è stato raggiunto per la prima volta 5 settimane fa.
 
Anche il prezzo dell'oro in sterline pha fatto registrare un piccolo guadagno settimanale, scambiato 10£ sopra il minimo di 1 mese di venerdì scorso di 1.190£ mentre la sterlina è scivolata più in basso sul mercato valutario.
 
Rompendo i massimi di 2 mesi contro il Dollaro giovedì, dopo che lJean-Claude Juncker della Commissione Europea ha ripetuto di non essere "emotivamente attaccato" alla clausola di backstop irlandese dell'accordo di recesso del Regno Unito, la sterlina oggi ha perso mezzo centesimo, perdendo l'1,5% per il 2019 finora.
 
Nel frattempo il prezzo dell'oro in sterline è aumentato di 200£ l'oncia da Capodanno, stabilendo una serie di nuovi record di tutti i tempi a 1.282£ ad agosto.
Attachments: 

Adrian E. Ash è a capo del Reparto di Ricerca presso BullionVault, il più grande servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento