Oro oggi

Sentiment sull'oro al picco di tre anni e mezzo prima delle elezioni presidenziali americane

Il sentiment sull'oro da parte degli investitori occidentali è salito al massimo di tre anni e mezzo nel mese di ottobre, un incremento guidato soprattutto dalla domanda di oro proveniente dagli Stati Uniti, nel mese che anticipa il voto degli americani per la Casa Bianca, scrive Adrian Ash di BullionVault.
 
Il Gold Investor Index di BullionVault – che misura il rapporto tra acquirenti e venditori netti durante il mese – è stato di 56,8 lo scorso mese, in rialzo rispetto al dato precedente di 55 del mese di settembre. Sentiment, quello di ottobre, che ha perfino superato il picco di agosto in seguito al referendum sulla Brexit che aveva fatto segnare un dato di 56.
 
 
Il dato di 50 evidenzierebbe una perfetta parità tra il numero di acquirenti e venditori netti durante il mese. In precedenza il picco era stato registrato nel mese di settembre del 2011 con una lettura di 71,7 mentre il minimo di 50,5 venne toccato durante l'inverno 2014/2015.
 
La media giornaliera del prezzo dell'oro per il mese di ottobre è scesa del 4,4% rispetto al mese di settembre contro un dollaro in rialzo. Una media che ha fatto segnare il livello minimo dall'aprile di quest'anno sui 1.266 dollari per oncia.
 
Il più violento calo mensile del prezzo registrato in quasi un anno di scambi ha visto il numero di acquirenti di oro nella piattaforma di BullionVault in rialzo di oltre un terzo, mentre i venditori sono diminuiti del 16% rispetto al mese di settembre.
 
Il mercato che ha guidato l'incremento negli acquisti è stato quello americano. Il numero di residenti negli Stati Uniti che hanno acquistato oro durante il mese di ottobre è stato di quattro volte superiore al numero dei venditori. Anche il numero di nuovi conti aperti è salito durante il mese di ottobre, il secondo miglior mese dal gennaio del 2013. Il numero di nuovi conti ha segnato un rialzo dell'81% rispetto al mese di settembre, un +36% al di sopra della media dei dodici mesi precedenti.
 
Gli investitori americani hanno approfittato dello scivolamento dei prezzi per acquistare oro prima delle elezioni di novembre.
 
Per i prezzi dell'oro vi sarebbe il rischio di un forte incremento se Trump dovesse vincere le elezioni, mentre una diminuzione sarebbe possibile nel caso si verificasse lo scenario contrario.
 
Anche il Silver Investor Index è salito nel mese di ottobre, passando dal dato di 52,9 del mese di settembre a quello di 57,2 di  ottobre, ma comunque inferiore leggermente al picco di tre anni di agosto di 57,3 con una diminuzione media dei prezzi su base mensile di oltre l'8%, il più forte calo dal crollo dei prezzi della primavera del 2013.
 
La clientela di BullionVault ha acquistato complessivamente 10,7 tonnellate di argento nel mese di ottobre, portando il totale complessivo del metallo in custodia sopra le 632 tonnellate.
 
Dall'inizio del 2016 fino adesso il quantitativo complessivo di argento in deposito è salito di 85 tonnellate.
 
Il quantitativo di oro acquistato dalla clientela lo scorso mese è stato di 0,4 tonnellate per un totale complessivo in deposito che ha raggiunto il livello record di 36,3 tonnellate. I clienti di BullionVault hanno acquistato 1,9 tonnellate negli ultimi 12 mesi.
 
La diminuzione del prezzo di ottobre del 4,4% ha dato l'opportunità a molti clienti di acquistare metallo.
 
Attachments: 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento