Oro oggi

Rapporto acquirenti venditori di 2:1 ma il sentiment si affievolisce

Il sentiment degli investitori privati occidentali verso i lingotti d'oro è sceso per il secondo mese consecutivo in virtù della stabilità dei prezzi di aprile, come mostrato dal Gold Investori Index oggi.
 
In lieve calo dal dato di marzo di 53.0, l'indice degli acquirenti d’oro è scivolato fino a 52.8, il dato più basso mostrato dal minimo di 18 mesi di 51.9 fatto registrare a gennaio.
 
La volatilità del prezzo dell’oro è scesa al più basso livello dal mese di marzo del 2013, appena prima che il mercato dei lingotti subisse il peggior crollo in 31 anni.
 
Il Gold Investor Index misura il rapporto tra acquirenti e venditori netti sul sito di BullionVault in funzione della riduzione o dell’incremento delle  loro partecipazioni in oro, ed è calcolato in maniera proporzionale tra tutti i clienti esistenti. 
 
BullionVault è il più grande mercato al mondo di oro e argento fisico usato da più di 52.000 utenti che attualmente detengono 1,4 miliardi di dollari di valore in lingotti d’oro, più di quello detenuto dalla maggior parte delle banche centrali e custodito a scelta del cliente tra le camere blindate di Londra, New York, Toronto, Singapore e Zurigo (più un ulteriore valore di 278 milioni di dollari in argento fisico).
 
Il grafico in alto mostra come il Gold Investor Index sia variato durante gli ultimi tre anni. Un dato sopra i 50 indicherebbe maggiori acquirenti rispetto ai venditori durante il mese. L'indice mensile di BullionVault raggiunse il picco di 71.7 nel settembre del 2011 e fece registrare il dato minimo di 48.8 nel mese di febbraio del 2010. 
 
I dati di aprile mostrano due compratori per ogni venditore netto di oro durante il mese. L'insieme delle partecipazioni complessive dei clienti hanno subito una leggera variazione, scendendo di 25 chilogrammi fino ad arrivare a 32.7 tonnellate.
 
Il comportamento dei grossi investitori intenti a ridurre le loro quote dal crash dei prezzi del 2013 continua. Per contro, i piccoli investitori stanno costruendo il loro investimento in oro fisico sfruttando proprio quella diminuzione di prezzo. 
 
Questi ultimi ricordano bene la lezione ricevuta dalla crisi finanziaria. Il prolungato momento di quiete relativamente alla volatilità del prezzo dell'oro, offre la possibilità di continuare ad incrementare le proprie posizioni a buon prezzo.
 
Lo scorso mese, la volatilità giornaliera nei prezzi dell'oro ha fatto registrare la media più bassa dal marzo del 2013, appena prima che il mercato si rendesse protagonista del più forte crollo in 31 anni.
 
Dal crash di aprile del 2013, i prezzi dell'oro hanno chiuso ogni mese tra i 1200$ e i 1400$ per oncia, venendo scambiati principalemente in uno stretto range di prezzo appena sopra o sotto i 1300$/oz.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento