Oro oggi

Rally dell'oro oltre i 1.180$/oz. Non-Farm Payrolls molto al di sotto delle previsioni

Il prezzo dell'oro in dollari ha recuperato la più parte del ribasso settimanale nella sola giornata di venerdì, mentre la valuta ha perso terreno nel Forex.
 
Il rally del bene rifugio è iniziato appena dopo la pubblicazione di nuovi deboli dati economici provenienti dagli Stati Uniti, che ridimensionano nuovamente le possibilità di un incremento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve questo mese.
 
Le possibilità sono diminuite ulteriormente dopo che il Burea of Labour and Statistics americano ha pubblicato un dato di 151 mila nuovi posti di lavoro per il mese di agosto, fortemente al di sotto delle previsioni di Wall Street di 180 mila.
 
Il prezzo dell'oro in dollari ha recuperato la perdita dell'1,5% della settimana, mentre il biglietto è scivolato nel mercato delle valute, in ribasso rispetto al venerdì di chiusura della scorsa settimana contro euro, franco svizzero e dollaro australiano.
 
Il mercato azionario americano è salito, mentre le Borse europee hanno guadagnato l'1,7% rispetto a venerdì della scorsa settimana. 
 
Sono saliti anche i prezzi dei titoli governativi e delle materie prime.
 
Il petrolio ha rimbalzato del 2%, ma la perdita su base settimanale è rimasta comunque vicina all'8%.
 
L'argento è salito più velocemente dell'oro dopo la pubblicazione dei dati occupazionali americani, recuperando la perdita delle ultime due settimane per superare i 19,25$/oz.
 
"I dati di giovedì avevano costituito un punto di partenza per un recupero del prezzo per l'oro", ha affermato uno dei trader del gruppo svizzero MKS Pamp, "mentre i deludenti dati occupazionali americani si sono comportati da catalizzatore per l'oro con conseguente rimbalzo dal minimo di due mesi, anche se il dato chiave è stato quello sulla produzione".
 
Anche il platino ha guadagnato lo 0,8% per arrivare a 1.053,20$ per oncia, mentre il palladio è salito dello 0,84% fino a 669,05$/oz.
 
Le partecipazioni nel fondo SPDR Gold Trust, il più grande fondo ETF al mondo, sono diminuite nella giornata di giovedì dello 0,57% fino a 937,89 tonnellate.
 
La domanda di oro proveniente dall'Asia è migliorata leggermente questa settimana, spinta dalla correzione dei prezzi che ha portato i consumatori ad acquistare prima dell'inizio della stagione delle celebrazioni e dei matrimoni.
 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento