Oro oggi

Quotazioni dell'oro in caduta libera dopo l'accordo sul tetto del debito

Le quotazioni dell’oro sono ulteriormente ribassate venerdì mattina durante la sessione londinese, con l’oro che scende ulteriormente sotto i $1300 all’oncia, perdendo l’1,8% in due minuti a causa di una vendita nel mercato dei futures in un mercato che sembrava particolarmente tranquillo.
 
Già giovedì sera il prezzo era sceso sotto i $1300, all’annuncio di un accordo, offerto dal repubblicano Boehner ad Obama, per evitare la scadenza della  prossima settimana sul raggiungimento del tetto del debito che avrebbe costretto gli Stati Uniti ad un default.
 
Crollando al minimo trimestrale di $1263 all’inizio delle contrattazioni del mercato americano di venerdì, il prezzo dell’oro sembra avviarsi alla chiusura di setimana più bassa dal 5 luglio.
 
Anche l’argento è andato in forte perdita, ma senza una tale forte perdita al mercato dei futures, toccando il minimo di una settimana a $21,04.
 
Anche con il prezzo al di sotto dei $1300, “gli acquisti di oro fisico sono praticamente inesistenti” ha dichiarato il broker Marex Spectron venerdì mattina.
 
“I fondi di investimento stanno lontani e anche i bull più convinti sembrano in difficoltà e non trovare una ragione per comprare oro, vista la scarsa performance degli ultimi tempi.”
 
Giovedì l’ETF più importante al mondo, il SPDR Gold Trust, ha ridotto il sottostante di ulteriori 1,8 tonnellate, portando la quantità del metallo al minimo di 57 mesi, a meno di 897 tonnellate.
 
“Il principio di minima azione sembra che sia a un livello più basso per l’oro” si legge in una nota di HSBC.
 
“C’è una linea bearish ben definita” ha commentato Scotia Mocatta durante la notte di ieri.
 
Nuovi dati emessi oggi hanno indicato nel frattempo che la base monetaria del Giappone è cresciuta del 3,7% anno su anno a settembre.
 
I prezzi al consumo in Italia e Spagna sono crollati lo scorso mese, secondo gli indici ufficiali pubblicati stamani, mentre sono rimasti invariati ad agosto in Germania.
 
I premi sulle quotazioni dell’oro in India, la nazione prima per consumi al mondo prima che le regolamentazioni contro le importazioni compromettessero le importazioni, sono saliti velocemente questa settimana, moltiplicandosi per otto e raggiungendo i $40 all’oncia oltre il prezzo di riferimento di Londra , secondo la All-India Gems & Jewellery Trade Federation.
 
Bank of Nova Scotia oggi ha dichiarato che sta discutendo con la suddetta federazione e con la banca centrale indiana per cercare di convincere i privati a depositare il proprio oro in banca, per permettere così ai gioiellieri di soddisfare la domanda con fornitura domestica.
 
Per come stanno le cose adesso, “ufficialmente non c’è oro disponibile” al prezzo attuale al di sotto dei $1300. “La disponibilità viene sopratutto da canali illegali (mercato nero) in cui il metallo viene venduto a un prezzo inferiore a quello corrente.”

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento