Oro oggi

Prezzo dell'oro tocca il minimo mensile poi rimbalza di $15

Le quotazioni dell’oro sono andate in rally dopo aver toccato nuovi minimi mensili durante gli scambi di mercoledì mattina, rimbalzando di $15 all’oncia dopo aver toccato i $1262, mentre anche i mercati azionari andavano in perdita in seguito alle dichiarazioni di un rappresentante della Federal Reserve sulla possibilità che si comincerà a ridurre il programma di quantitative easing già da dicembre.
 
Il tapering “potrebbe avvenire il prossimo mese” ha dichiarato il presidente della Fed di Atlanta Dennis Lockhart martedì sera.
 
Tali dichiarazioni contrastano con le previsioni degli analisti, che dopo che la banca centrale ha evitato il tapering a settembre, si attendono adesso che la Fed aspetterà fino a marzo, secondo le ultime indagini condotte da Bloomberg.
 
L’attuale vice presidente Janet Yellen, designata per succede all’attuale presidente Bernanke, parlerà domani al parlamento statunitense.
 
“Da un punto di vista tecnico i prezzi dell’oro stanno trovando un supporto forte a $1275” si legge nella nota odierna della banca di investimenti e bullion bank Standard Bank.
 
Eppure “una rottura in basso è probabile in assenza di domanda forte dal mercato fisico... la domanda dalla Cina è migliorata marginalmente, ma è ancora debole rispetto all’ultima volta in cui l’oro veniva scambiato al di sotto dei $1300 a metà ottobre.”
 
“La reazione negativa del prezzo dell’oro” scrive Bloomberg citando Howard Wen di HABC, “alla possibilità di tapering a dicembre da parte della Fed indica che il mercato dei metalli preziosi continuerà probabilmente ad essere influenzato dalle aspettative di cambiamento delle politiche monetarie.”
 
“Ci aspettiamo che il mercato dell’oro rimanga dipendente dai dati.”
 
“L’azione del prezzo è debole” si legge in un’analisi tecnica di Scotiabank, “con il metallo che ha registrato 7 giorni in ribasso delle ultime 10 sessioni di trading.”
 
Ora più bearish sull’oro che sull’argento, Stephanie Aymes di SocGen ha dichiarato che “a breve termine, 1285/89 limiterà i rialzi” del prezzo dell’oro, che ora probabilmente si dirigeranno al minimo recente di $1251 prima di crollare a £1222 nei prossimi 3 mesi.”
 
Richard Adcock, analista di UBS a Londra, ha dichiarato a Reuters che “il supporto più significativo sarebbe il ritracciamento del 50% dell’avanzamento tra febbraio 2001 a settembre 2011, che si trova a $1082,60.”
 
“Per me quel livello è il target a lungo termine per le prossime settimane e i prossimi mesi.”
 
Seguendo le quotazioni dell’oro al ribasso ma senza il rally di rimbalzo, l’argento oggi ha toccato il minimo mensile di $20,60 prima di recuperare a $20,80, circa il 3,4% in meno rispetto ad inizio settimana.
 
La domanda di argento da investimento nel 2013 sarà circa il 24% del totale, ha dichiarato Andrew Leyland della Thomson Reuters GFMS, presenziando ieri notte ad un evento del Silver Institute, il 4% in più rispetto a dieci anni fa.
 
Tale rialzo rispecchia il declino dell’uso dell’argento nell’industria della fotografia, in ribasso dal 25% del totale del 2003 al 5% appena di oggi.
 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento