Oro oggi

Prezzi dell’oro in aumento, aiuti Covid e politiche problematiche colpiscono le azioni

I prezzi dell’oro sono di nuovo saliti rispetto al dollaro in caduta nel mercato dell’oro di Londra, raggiungendo la massima settimanale sopra i 1.920 $ all’oncia, mentre i mercati azionari globali scendono tra nuovi lockdown per Coronavirus, restrizioni in tutta Europa e continue speculazioni sui nuovi aiuti per Covid stabiliti negli Stati Uniti in vista delle elezioni del 3 novembre.

“Non sembra che ci sia chiarezza per chi fa trading a breve termine riguardo i prezzi nel mercato dei metalli preziosi”, afferma Phillip Futures, broker di Singapore.

“Gli investitori a lungo termine si concentrano su quello che accadrà dopo le elezioni a novembre, con una vittoria dei Democratici che vede il sentiment dell’oro aumentare grazie a un pacchetto aiuti molto ampio”.

Sebbene la democratica della Casa Bianca Nancy Pelosi abbia sostenuto di aver “fatto progressi” nelle discussioni per i pacchetti di aiuto con il segretario del Tesoro Steve Mnuchin, il leader della maggioranza Mitch McConnell ha consigliato al presidente Trump di non accettare alcun accordo pre-elettorale, afferma il New York Times.

Con il governo del Regno Unito che nel frattempo ha imposto il “Livello 3” di allerta anti-Covid su Manchester senza aver concordato nessun aiuto finanziario, i prezzi dell’oro del Paese sono scesi e gli interesse a lungo termine saliti, tornando alla cifra invariata all’oncia di 1.470 £.

Titoli e azioni in altri stati hanno registrato cadute – inclusi i prezzi del greggio – spingendo in alto i tassi d’interesse a dieci anni, in particolare per Grecia (con massime nelle ultime due settimane allo 0.91%), Regno Unito (con massime della settimana a 0.23%) e Stati Uniti (massime di 3.5 mesi allo 0.82%).

Continuano i rendimenti negativi per il debito in Germania, Francia, Paesi Bassi e Svizzera, ma i tassi sui prestiti a dieci anni del Giappone sono saliti a massimi di due settimane vicino allo 0.03%, dopo essere tornati positivi a marzo per la prima volta in quattordici mesi.

I prezzi dell’oro in euro sono saliti a 1.621 euro, ma senza registrare alcun cambiamento per la settimana fino a oggi, mentre i prezzi in dollari sono aumentati di 25 $ da domenica a 1.924 $ l’oncia.

Diversamente dall’Eurozona, “il momento non è giusto” per gli interessi negativi sui tassi nel Regno Unito, ha detto oggi il responsabile delle politiche della Bank of England Dave Ramsen, “ma sono certamente da considerare per un potenziale utilizzo futuro”.

I costi d’indebitamento del governo britannico sono aumentati a cinque punti base dal declassamento di venerdì sera da parte dell’agenzia di trading Moody’s, portando la quinta più grande economia nazionale del mondo ancora più sotto al rating “tripla A” perso dopo il referendum della Brexit nel 2016.

Editing e traduzione articolo a cura di Alessia Ceccarelli.

 

 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento