Oro oggi

Alto dell'oro: gennaio 1980

Quand'è stata l'ultima volta che il mercato dell'oro ha superato gli $800 all'oncia? Facciamo un passo indietro fino a gennaio 1980...

Di Adrian Ash- BullionVault.it

 

"IL MERCATO DELL'ORO è andato via di testa" mi ha detto di recente un dealer. E chiunque voglia comprare oro in questi giorni potrebbe pensare lo stesso.

Il rialzo di oltre il 25% solo negli ultimi 12 mesi, il prezzo dell'oro in dollari ha raggiunto e passato gli $800 dollari all'oncia diverse volte.

Nemmeno nel gennaio 1980, quando era al suo massimo storico, è successa la stessa cosa.

Il famoso punto massimo di $850 all'oncia, registrato al London Fixing pomeridiano del 21 gennaio 1980, ha indicato la fine del rialzo del mercato dell'oro durato in tutto 9 nove anni ed iniziato quando Richard Nixon ha liberato il dollaro dalle sue "catene d'oro" e ha smesso di pagare i governi stranieri in oro.

Nixon ha ucciso il poco che era rimasto dell'accordo di Bretton Woods, firmato durante le devastazioni della seconda guerra mondiale allo scopo di aiutare l'Europa a restaurare la fiducia nel credito e nelle valute. Il risultato?

"In molti paesi l'inflazione alla fine del 1979 era espressa in decine", scrive Peter Bernstein nel suo classico della letteratura finanziaria Oro: Storia di un'ossessione. Facendo riferimento ai prezzi del petrolio spinti in alto dall'OPEC, egli scrive che "le condizioni politiche forse erano ancora più spaventose".

"Nel novembre 1979 i radicali iraniani presero d'assalto l'ambasciata americana a Teheran. [...] Allo stesso tempo i russi stavano piazzando le loro forze armate nello Yemen meridionale vicino all'Arabia Saudita, vicino al confine con l'Afghanistan e vicino al confine bulgaro con l'allora Jugoslavia."

Tornando al novembre 2007, gli Stati Uniti stanno facendo di nuovo man forte con l'Iran e hanno addirittura mandato una flotta navale nel golfo persico. Poche settimane fa lo stretto di Hormuz, la rotta più usata al mondo dalle navi petroliere, è stato minacciato dal generale iraniano Ali Fahdavi, che ha anche affermato che i gruppi di kamikaze iraniani sono pronti ad attaccare qualsiasi obiettivo nel golfo persico.

E anche la Russia si sta rifacendo alla sua vecchia gloria comunista del passato, mandando jet vicino agli spazi aerei della NATO, uccidendo dissidenti a Londra e utilizzando le sue risorse petrolifere e di gas naturali per imporsi sui suoi paesi confinanti più piccoli.

"Vi sono quelli che vorrebbero costruire un mondo unipolare" ha detto il presidente Putin durante rally per il Giorno dell'Unità a Mosca. "Vorrebbero essere loro a governare tutta l'umanità."

Successivamente Putin a deposto una corona di fiori nella Piazza Rossa per commemorare i soldati che hanno aiutato a far diventare la Russia "una grande potenza che si estende dal Mar Baltico all'Oceano Pacifico."

Dimenticando per un attimo l'interminabile guerra in Iraq e in Afghanistan, sul mercato del petrolio i prezzi hanno superato i $90 al barile e mancano solo pochi centesimi prima che raggiungano i livelli del 1980 se si calcola l'inflazione. E poi c'è il mercato dei crediti, che sta soffocando sotto la montagna di debiti subprime mentre i tassi di interessi scendono... e riducono il valore del denaro ogni volta che il prezzo diminuisce.

"L'effettiva garanzia delle passività di Mervyn King per il sistema bancario britannico è molto più significativo che il ribasso nella produzione aurifera sudafricana", scrive John Hathaway di Tocqueville Asset Management.

In altre parole la reazione di panico delle banche centrali relativa alla continua crisi creditizia rende l'acquisto di oro più attraente che mai anche senza prendere in considerazione i principi del mercato dell'oro stessi.

L'ultima volta che l'oro ha superato gli $800 all'oncia, Paul Volcker, l'allora presidente della banca centrale americana, ha fissato il tasso di scambio del dollaro aumentando i tassi di interesse americani fino a quasi il 20%.

Credete veramente che Ben Bernanke supporti il "dollaro forte" con tassi di interesse più alti in un futuro non molto lontano?

Per capire cosa influisce sul mercato dell'oro, basta registrarsi su BullionVault, qui...

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento