Oro oggi

Oro in sterline +2,3%, atteso l'affondo finale dell'accordo della May

Il prezzo dell'oro è aumentato in tutte le principali valute ed è tornatoi vicino a 1.000£ l'oncia per gli investitori britannici martedì, in attesa del voto parlamentare di questa sera alle 7, probabilmente l'ultimo, sull'accordo messo a punto da Theresa May con l'Unione Europea.
 
Con il voto previsto per le 19:00 di Londra questa sera, il consulente legale del governo britannico - il Procuratore generale Geoffrey Cox - ha detto che le nuove concessioni offerte da Bruxelles sul cosiddetto "backstop irlandese" lasciano invariato il rischio legale che il Regno Unito rimanga legato alle regole comunitarie.
 
La polizia britannica ha indicato oggi che l' invio di pacchi bomba all'aeroporto di Heathrow e in altri 3 luoghi la scorsa settimana, nessuno dei quali è esploso, è stato rivendicato come appartenente al gruppo terrorista illegale dell'Irlanda unita, l'IRA.
 
In Europa solo i mercati azionari del Regno Unito e della Repubblica d'Irlanda hanno evitato un calo, con Londra che ha fatto segnare appena lo 0,1% in più mentre la sterlina britannica ha subito il più netto crollo giornaliero dal 2 gennaio, rendendo meno costosi i beni quotati nel Regno Unito.
 
Il prezzo dell'oro in sterline per oncia è aumentato di oltre il 2,3% dal minimo notturno, toccando 996£ con la sterlina che ha perso quasi 3 centesimi dal picco di metà Febbraio.
 
 
Nonostante l'incertezza politica, economica e mediatica sulla Brexit, gli ETF auriferi quotati nell'Unione europea come gruppo - compresi i fondi del Regno Unito - hanno ampliato il supporto a 1,49 tonnellate in febbraio, arrivando a 839,6 tonnellate secondo i dati del World Gold Council.
 
SPDR Gold Trust (NYSEArca: GLD) ha visto ieri il suo primo giorno di espansione da quando i prezzi dell'oro hanno toccato i massimi di 10 mesi 3 settimane fa .
 
Ma ora, con un sottostante di 769,5 tonnellate di oro a 1.295$/oncia, GLD ha la stessa taglia di quando l'oro era a 1.190$/oncia lo scorso agosto.
 
Anche i quattro maggiori concorrenti nordamericani del GLD si sono ridotti fino ad ora a marzo, lasciando i 5 maggiori ETF in oro del continente con un sottostante di 1.180 tonnellate di lingotti, quasi il 7% in meno della media decennale.
 
I prezzi dell'oro in dollari, al contrario, si sono attestati martedì meno dello 0,9% rispetto alla media delle chiusure mensili dal 2009.
 
 
Il prezzo dell'oro in Cina ha esteso la sua corsa al di sopra delle quotazioni di Londra durante la notte, estendendo il premio di Shanghai a 15,50$ per oncia.
 
Questo valore è maggiore di oltre due terzi rispetto al tipico incentivo per le importazioni di nuovi lingotti nel primo paese al mondo per consumom importazioni e produzione d'oro.
 
"La banca centrale del paese, la People's Bank of China, ha acquistato circa 32 tonnellate di oro negli ultimi tre mesi", afferma il Financial Times, citando i dati di Standard Chartered.
 
"Se continua a comprare a questo ritmo, la Cina supererebbe la Russia e il Kazakistan, i compratori maggiori nel 2018, che hanno recentemente ridimensionato le loro acquisizioni".
 
Dopo aver acquistato l'85% della propria produzione d'oro, la Russia - la terza nazione produttrice al mondo - nel 2018, ha tagliato il suo acquisto mensile di gennaio al minimo dal dicembre 2006, ha indicato StanChart.
 
"In seguito al picco multi-decennale nella crescita delle riserve auree nel 2018", afferma Alistair Hewitt, direttore del market intelligence del World Gold Council, "l'appetito delle banche centrali è rimasto sano all'inizio del 2019".
 
Le riserve auree della banca centrale sono anche state sottoposte a controllo crescente dai politici fino ad ora nel 2019, con partiti di governo sia in Italia che in Romania che cercano di "usare" lingotti nazionali per alleviare i loro deficit di bilancio - una mossa apparentemente ritenuta illegale dal trattato dell'Unione europea.
 
Nel frattempo, i dati della produzione industriale britannica sono aumentati, ma il deficit commerciale è peggiorato più di quanto previsto dagli analisti martedì mattina.
 
L'inflazione dei prezzi al consumo degli Stati Uniti ha deluso Wall Street, con il tasso di interesse sfavorevole all'1,5% e il costo della vita "core" (esclusi carburante e cibo) in rallentamento alla crescita annuale del 2,1%.
 
I principali rendimenti dei titoli di Stato sono diminuiti, ad eccezione di Francia, Spagna, Portogallo e Grecia, secondo i dati di Bloomberg.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento