Oro oggi

Oro sostenuto dalla guerra commerciale, BCE, Fed e BoJ abbassano i tassi

L'oro si è spostato in un range di 10$ giovedì mattina, mantenendosi al di sopra del livello dello scorso fine settimana, ma smosso dalle voci sulla possibilità di un accordo commerciale USA-Cina imminente.
 
Nel frattempo, sia i mercati obbligazionari sia quelli azionari globali sono scivolati, con l'oro a circa 1.470$ l'oncia, dopo che la Federal Reserve e la BCE hanno segnalato piani per mantenere o approfondire la loro attuale posizione "accomodante" di politica monetaria:  l'Eurozona continua con un allentamento quantitativo e tassi di interesse negativi,mentre i tassi di interesse statunitensi sono arretrati al ritmo dell'inflazione.
 
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dovrebbe firmare giovedì la richiesta del Senato alla Cina per il rispetto dei diritti umani a Hong Kong - una mossa che sicuramente dispiacerà a Pechino, mentre la violenza delle proteste continua nella regione amministrativa speciale.
 
"Il sostegno ai beni rifugio è emerso nei metalli" afferma una nota commerciale di MKS Pamp, citando l'aumento delle tensioni tra Stati Uniti e Cina.
 
"Il principale motore dell'oro è attualmente l'incertezza sull'accordo commerciale", concorda l'economista John Sharma della National Australia Bank, il quarto creditore del paese.
 
"C'è la possibilità che l'accordo non possa essere completato quest'anno, quindi questo è un fattore di supporto chiave".
 
 
Fonti della Casa Bianca hanno indicato a Reuters che un accordo di "fase uno" per fermare qualsiasi nuova tariffa "potrebbe essere rimandato al prossimo anno" dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che i negoziatori cinesi non "stanno facendo concessioni del livello che io pretendo".
 
Ma Pechino "si impegnerà" per raggiungere presto un accordo, secondo la risposta di un portavoce cinese, facendo eco ai precedenti commenti del vice premier cinese Liu He che il politburo è "cautamente ottimista".
 
Liu ha anche aggiunto, tuttavia, di sentirsi "confuso" dalle ultime richieste di Washington, che ora spingono verso nuove aree di accordo al di là della rimozione delle tariffe imposte da metà del 2018.
 
A Francoforte, "Il nostro programma di acquisto di asset non raggiungerà i limiti nel breve termine", ha dichiarato mercoledì il vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Guindos, promettendo di proseguire il programma di allentamento quantitativo della BCE da 20 miliardi di euro al mese iniziato il 1° novembre.
 
"Abbiamo spazio sia in termini di altri investitori, sia entro i limiti e restrizioni che ci siamo imposti", ha continuato Guindos, affermando anche che i tassi di interesse negativi nell'Eurozona - il secondo blocco economico al mondo dopo gli Stati Uniti - non hanno ancora raggiunto il cosiddetto tasso di inversione, in cui la riduzione del costo del prestito danneggia il nuovo credito più che avvantaggiarlo.
 
Gli ultimi dati della BCE affermano che la crescita dei prestiti delle nuove banche al settore privato è scesa al 3,7% all'anno a settembre, appena al di sotto del salto di agosto alla più rapida espansione dai tempi della crisi del 2009.
 
 
I commenti di Guidos sono arrivati ​​il ​​giorno dopo che il governatore della Banca del Giappone, Hirohiko Kuroda, ha dichiarato di prevedere " ampio margine di manovra" per spingere i tassi di interesse più in negativo, ma ha negato di aver mai negato il limite all'allentamento monetario.
 
Poiché i tassi di interesse in calo hanno innalzato il livello di investimenti necessari per effettuare futuri pagamenti delle pensioni, il governo olandese questa settimana ha allentato le sue regole per i fornitori di pensioni del settore privato, consentendo loro di mantenere i pagamenti ai pensionati ai livelli attuali nonostante le attività scendano al di sotto del 90% degli obblighi previsti dalla legge.
 
Il tasso di interesse negativo della BCE è nel frattempo "un onere notevole per le banche", ha affermato l'Associazione delle banche tedesche all'inizio di questo autunno, sostenendo che i suoi membri "trovano quasi impossibile trasferire questo costo ai risparmiatori privati" e perdono € 7,5 miliardi all' anno.
 
Votando 10-2 per ridurre il target del tasso d'interesse della Fed a un tetto dell'1,75% in ottobre, il comitato politico del FOMC a Washington ha dato "poche nuove informazioni" sulle sue prospettive, secondo gli analisti.
 
L'inflazione cosiddetta "core" sulla misura PCE - la misura preferita dell'inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti - è rallentata all'ultimo conteggio all'1,7% annuo a settembre.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento