Oro oggi

Oro: rally in attesa della Federal Reserve

I prezzi dell'oro sono saliti in tutte le principali valute ad eccezione dello yen nella tarda mattinata di mercoledì, toccando il massimo di una settimana in dollari alla vigilia della tanto attesa decisione della Federal Reserve sui tassi di interesse.
 
I mercati azionari di tutto il mondo si sono comportati positivamente dopo che la Banca del Giappone ha deciso di lasciare il costo del denaro invariato (-0,1%), ed aggiungendo che continuerà a fare ricorso al QE fino a raggiungere l'obiettivo dell'inflazione del 2%.
 
L'oro ha sfiorato i 1.330 dollari per oncia. 
 
L'argento è salito più velocemente, in rialzo di un dollaro per oncia rispetto al livello di chiusura dello scorso venerdì, per toccare il massimo di due settimane a 19,72 dollari per onica.
 
Il petrolio ha continuato il suo rally per il secondo giorno di fila.
 
Lasciando il costo del denaro invariato a -0,1% e mantenerndo il QE per un volume complessivo a 80 trilioni di yen all'anno (circa 780 miliardi di dollari), il prezzo dell'oro in yen era inizialmente salito dell'1,6%, mentre la valuta perdeva terreno nel Forex. 
 
Successivamente l'oro è scivolato mentre la valuta ha recuperato la perdita precedente, con il cambio USD/JPY al minimo di quattro settimane a ¥100.
 
Nuovi dati sulle esportazioni giapponesi mostrano un crollo del 10% su base annuale nel mese di agosto, per l'unidicesimo mese di fila al ribasso.
 
In serata è attesa la decisione della Federal Reserve, che segnerà il secondo ed ultimo importante appuntamento della settimana.
 
"Il supporto per i prezzi dell'oro è a 1.306 dollari per oncia", ha affermato Russell Browne della ScotiaMocatta nella sua analisi tecnica, "mentre la resistenza è vista a 1.333 dollari per oncia.
 
"Il metallo sembra che si stia consolidando nella fascia di prezzo vista negli ultimi 7/8 giorni", ha concluso Browne.
 
"L'oro si trova in questo momento a metà del canale discendente", afferma Stephanie Aymes della banca Societa Generale, "ed il livello di 1.307/1.300 dollari per oncia rappresenta l'area di supporto chiave".
 
"L'oro è in questo momento comodamente al di sopra dell'area di supporto", afferma una nota del dipartimento di trading della compagnia svizzera MKS Pamp, "ed i mercati continueranno a prepararsi per la possibile volatilità che potrebbe generare la Fed".
 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento