Oro oggi

Oro e argento al minimo settimanale

I prezzi dell’oro e dell’argento scendono al minimo settimanale nella mattinata di lunedì a Londra. Mentre Mosca “deride” le sanzioni per la crisi con l'Ucraina e i mercati azionari reagiscono positivamente, i prezzi dell’oro e dell’argento scendono al minimo settimanale negli scambi di martedì mattina a Londra.
 
I prezzi dell’oro sono scesi pesantemente attraversando il livello di 1.361$/oz, precedentemente individuato come punto di resistenza, perdendo oltre 10$/oz subito dopo l’ufficializzazione dei nuovi dati sull’inflazione del prezzo al consumo americano diminuita al 1.1% annuale nel mese di febbraio.
 
Nel frattempo, il prezzo all’ingrosso dei lingotti d’argento da investimento è sceso del 2.5% dall’inizio della giornata di scambi in Asia, scendendo nuovamente al di sotto di 21$/oz, livello per la prima volta raggiunto a maggio del 2013 e segnando il punto più basso di 32 mesi. 
 
Con i membri oligarchi del parlamento russo pronti a deridere le sanzioni minaciate dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea e sempre più coesi con il Presidente Vladimir Putin che ha affermato che la Crimea “è stata da sempre parte della Russia”, il parlamento si è messo al lavoro per l’emanazione di nuove leggi a favore dell’annessione della Crimea in tempi rapidi.
 
Anche i separatisti della regione della Transnistria, stato indipendente de facto e non riconosciuto a livello internazionale (essendo considerato parte integrante della Repubblica di Moldavia), ha chiesto l’annessione alla Federazione Russa nella giornata odierna, seguendo le orme della Crimea.
 
I mercati azionari europei hanno recuperato le perdite iniziali mentre sia il rublo, nel mercato delle valute, che i buoni del tesoro americani sono rimasti invariati.
 
“Il test per gli asset-rifugio arriva in tempi difficili e l’oro ha passato questo test recentemente in relazione alla crisi Ucraina”, afferma Julian Jessop della Capital Economics.
 
“Considerando ed analizzando tecnicamente il comportamento del prezzi, l’oro ha raggiunto il livello di resistenza precedentemente evidenziato. Una consolidazione dovrebbe iniziare...con un immediato supporto visibile tra 1.355$/1.353$/oz”, afferma la banca di investimento francese Societe Generale, facendo riferimento al picco della mattinata di lunedì a 1.392$/oz, movimento previsto dall’inizio di febbraio e basato sull’analisi di Elliot Wave.
 
La Ubs invece ipotizza il supporto a 1.251.71$/oz ed afferma che “qualsiasi movimento in calo sarà visto come una fase correttiva all’interno del trend bullish”.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento