Oro oggi

Oro, argento e platino colpiti dalla volatilità, crollano le criptovalute dopo il ban dalla Cina

Questo mercoledì i prezzi di oro, argento e platino hanno subito cambiamenti violenti, scendendo e tornando subito ad aumentare. Le azioni globali sono crollate, così come le criptovalute, in vista dell’incontro di oggi della Federal Reserve sulle ultime politiche finanziarie.

Sia il Regno Unito che il Canada hanno riportato aumenti maggiori del previsto sul costo della vita ad Aprile.

L’inflazione nell’Eurozona, invece, è rallentata allo 0.7% annuale, se si escludono cibo e carburanti – entrambi molto volatili.

I prezzi del greggio sono in forte calo, e anche il rame ha perso il 2.5% dopo aver raggiunto massimi storici la scorsa settimana; l’oro è sceso di oltre $20 l’oncia dalla massima di ieri a 1875$, per poi riguadagnare tutto quanto perso all’apertura del trading di New York.

“I grandi investitori istituzionali stanno scaricando i Bitcoin per tornare all’oro” riporta un titolo della CNBC, secondo dati provenienti dalla J. P. Morgan di Londra, gigante del settore dei metalli preziosi.

Le criptovalute hanno perso continuamente mercoledì con Bitcoin al -14%, Ethereum al -22% e XRP al -21% dopo che Pechino ha vietato a istituti finanziari e società di pagamento cinesi di fornire servizi a trader o fornitori di criptovalute.

“Le aspettative per l’inflazione tedesca dei prossimi cinque/dieci anni sono salite ai livelli più alti dal 2018” affermano i dati di Bloomberg.

“Sulla base delle pubblicazioni di oggi l’inflazione del Regno Unito è del 4.7%” ha scritto l’ex responsabile delle politiche monetarie UK Andrew Sentance.

“Gli ultimi dati mostrano un ampio aumento di tutti gli indicatori di inflazione. Ignorare questo aumento sarebbe una mancanza da parte della Bank of England”.

L’inflazione ha soppiantato la pandemia come rischio primario” afferma un’analisi del World Gold Council sull’industria mineraria.

I prezzi dell’oro sono arrivati a 1870$ nel primo pomeriggio a Londra, mentre l’argento ha tagliato il guadagno della settimana, che finora aveva toccato il 4.8%, al solo 0.9% scambiando a 27.67$ l’oncia.

Il prezzo dell’argento è sceso sotto i $1200 l’oncia per la prima volta in due settimane, perdendo oltre il 10% dalla massima degli ultimi sei anni registrata a febbraio.

“Probabilmente il platino ha già toccato il suo massimo quest’anno” ha affermato Stephen Forrest agli analisti di SFA Oxford oggi durante uno webinar in occasione della London Platinum Week.

“Sebbene il recente balzo dell’oro possa essere dovuto a una maggiore domanda di beni rifugio in risposta alle azioni vacillanti” sostiene la London Capital Economics “e alla pressione del momento sulle criptovalute, crediamo che sia principalmente una conseguenza del calo dei Titoli del Tesoro. Dubitiamo che questo duri a lungo, tuttavia, e ci aspettiamo che il prezzo dell’oro nel 2021 torni ad aggirarsi sui 1600$ l’oncia”.

Editing e traduzione articolo a cura di Alessia Ceccarelli.

 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento