Oro oggi

Oro al picco di un mese, la Fed vuole "inflazione persistente e significativa"

L'oro è salito ai massimi di un mese contro un indebolimento del dollaro giovedì, dopo che la Federal Reserve ha confermato di non voler aumentare i tassi di interesse nel 2020.
 
"Per aumentare i tassi, vorrei un'inflazione persistente e significativa", ha dichiarato il presidente della Fed Jerome Powell durante una conferenza stampa.
 
L'inflazione dei prezzi al consumo negli Stati Uniti il ​​mese scorso è cresciuta al suo ritmo annuale più veloce in un anno, secondo i nuovi dati, ponendo l'inflazione "core" al 2,3% con i tassi di interesse della Fed ora limitati all'1,75%.
 
Ma i prezzi dell'oro oggi sono saliti a 1.485$ per oncia, +25$ per la settimana finora.
 
Dopo la decisione della Fed di ieri di mantenere invariati i tassi statunitensi a dicembre, come ampiamente previsto, il gigante ETF SPDR gold (NYSEArca: GLD) ha avuto i primi afflussi di 2 settimane, riguadagnando sul minimo di tre mesi di martedì.
 
Il più economico iShares Gold Trust (NYSEArca: IAU) nel frattempo si è espanso per la seconda volta in una settimana, richiedendo un nuovo record di 360 tonnellate di supporto in oro, ma ancora solo due quinti delle dimensioni del GLD.
 
"Abbiamo assistito ad una sessione più solida per i preziosi", afferma una nota commerciale delle raffinerie svizzere MKS Pamp, "poiché la decisione del FOMC ha messo sotto pressione il dollaro".
 
Non modificando le previsioni di settembre relative al PIL o all'inflazione, la Fed ha tagliato le sue previsioni a 3 anni per i tassi di interesse statunitensi, ritardando un aumento dell'1,9% alla fine del 2020, con un aumento del 2,1% ora previsto alla fine del 2021, mentre un mese fa si prevedeva un 2,4%.
 
I "dot plot" dello scorso dicembre prevedevano che i tassi di interesse raggiungessero il 3,1% entro la fine del 2021, a sua volta un taglio rispetto al 3,4% previsto a settembre 2018.
 
 
"È improbabile che il tasso salga più in alto, la Fed stia limitando l'aumento dei rendimenti reali a medio termine", afferma il ricercatore di Citybank Aakash Doshi, "in modo da ridurre i costi opportunità di detenere l'oro".
 
Aggiungendo che questo potrebbe anche funzionare per aumentare l'inflazione mentre deprime il valore del dollaro, "Tutti e tre questi fattori dovrebbero essere di supporto ai prezzi dell'oro a medio termine, o almeno a limitarne le vendite".
 
Ma "l'oro manca di un catalizzatore che faccia salire i prezzi nel 2020", ribatte Michael Widmer della Bank of America-Merrill Lynch, parlando con Kitco.
 
"Riguarda i tassi di interesse. Penso che dovremmo vedere un rinnovato atteggiamento accomodante nelle banche centrali per spingere l'oro leggermente più in alto."
 
Oggi la BCE ha seguito l'esempio della Fed, non apportando modifiche alla politica monetaria e continuando con 20 miliardi di euro al mese di acquisti di obbligazioni nell'ambito del QE, e tassi di deposito del -0,5% dopo la prima riunione guidata dall'ex direttore del FMI, Christine Lagarde.
 
Il prezzo dell'oro nel Regno Unito nel frattempo è balzato dell'1,3%, mentre gli elettori sono andati alle urne per la terza elezione generale in meno di 5 anni. Cancellando il calo della scorsa settimana ai minimi di 5 mesi, l'oro ha raggiunto 1.128£ mentre la sterlina si è ritirata dal suo recente aumento sul mercato delle valute.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento