Oro oggi

L'oro tocca i 1.352$/oz mentre l'argento fa registrare 21.31$/oz, prima di scivolare leggermente

I prezzi dell’argento e dell’oro sono diminuiti all’ora di pranzo di martedì, perdendo l'incremento conseguito durante la notte. Le equities asiatiche hanno chiuso in rialzo mentre quelle europee sono rimaste invariate, nonostante le fresche minacce di guerra tra gli Stati Uniti, l’Europa e la Russia in virtù della crisi nella regione della Crimea, in Ucraina.
 
L’oro e l’argento sono stati scambiati rispettivamente a 1.348$/oz e 21.12$/oz prima di aver raggiunto precedentemente 1.352$/oz e 21.31$/oz.
Il picco di martedì raggiunto dall'oro, ha fatto registrare un incremento dell’1.5% rispetto al dato precedente di lunedì mentre quello dell’argento è stato del 2%.
 
“Oro e argento sono rimasti forti nonostante la vendita avvenuta in Oriente durante la notte”, dice una nota del team delle commodities della Standard Bank.
 
“Con il prezzo dell'oro in aumento e con gli investitori che comprano nuovamente ETF sull’argento, notiamo che ci sono delle potenzialità per un rally del prezzo di quest'ultimo, considerando soprattutto quanto i prezzi siano stati corretti durante gli anni recenti", afferma l’ultimo report mensile di un funzionario della banca Scotia Mocatta di New York“.
 
"I lingotti d'argento hanno fornito copertura al prezzo delle azioni degli ETF che lunedì hanno chiuso invariati rispetto la settimana scorsa", secondo quanto detto dagli analisti della UBS.
 
Con un peso di 19.300 tonnellate, la domanda di ETF sull’argento, da parte degli investitori, è cresciuta dell’1.5% fino ad ora in questo 2014.
Anche i lingotti d'oro hanno sostenuto il prezzo degli ETF permettendo un incremento di quasi l’1%, quest'ultimo permesso dal gigantesco fondo SPDR Trust, anche se è rimasto appena sotto il livello di partenza del 2014 di 1858 tonnellate.
 
Lo scorso anno erano stati liquidati ETF sull'oro equivalenti ad un peso di 880 tonnellate.
 
“I flussi di ETF sono certamente un’importante dinamica nel mercato dei metalli preziosi. Le materie prime stanno riacquistando rapidamente l'attenzione dei partecipanti al mercato. Mentre il nostro medio lungo termine si prospetta bearish sia per l'oro che per l'argento, il sentiment positivo
associato al flusso di ETF...fornirà informazioni inestimabili nelle dinamiche del prezzo a breve termine”, afferma la banca francese Societe Generale.
 
Osservando il range di scambio attuale del prezzo dell’oro, “il livello di supporto chiave verso il basso è 1.330$/oz, livello peraltro testato due volte lunedì. L'altra faccia della medaglia mostra che il mercato si è costruito una solida resistenza a 1.350$/oz la scorsa settimana”, secondo un’analisi tecnica della banca ANZ.
 
L'argento invece, raggiungendo oggi il picco di incremento del 2.5% di 21.30/oz, la scorsa settimana “ha abbandonato il livello di 21$ per la prima volta in tre settimane”, fa notare in una nota il conglomerato giapponese Mitsubishi.
 
“Un’altra chiusura sotto la linea di tendenza di 200 giorni sarebbe indice di un comportamento bearish dell’argento”, aggiungono gli analisti.
I prezzi nel gold Exchange di Shangai sono cresciuti la notte scorsa, riducendo lo sconto locale sull’oro rispetto al prezzo internazionale di Londra a 2.40$/oz, rispetto al dato record degli ultimi 23 mesi di 3.20$/oz di lunedì.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento