Oro oggi

Le vendite di oro sono state ormai completate?

I prezzi dell’oro fisico sono rimasti stabili attorno ai $1230 all’oncia durante gli scambi di lunedì mattina al mercato di Londra, salendo mentre i mercati asiatici chiudevano al rialzo dopo dati più forti delle aspettative  dalla cina, e i mercati azionari europei invece scivolavano.
 
L’Euro è salito al massimo di sei settimane contro il Dollaro al mercato del forex, limitando il prezzo dell’oro nella moneta unica al di sotto di €900 all’oncia.
 
L’argento è salito dello 0,7% mentre anche le materie prime salivano, così come il prezzo dei bond governativi, raggiungendo i $19,65 all’oncia.
 
“Molte delle vendite di oro sono state completate” commenta Frances Hudson, co-manager di Standard Life Investments di Edimburgo, ai microfoni di Bloomberg.
 
“Per questo possiamo vedere una base di prezzo più stabile sulla quale l’oro può crescere.”
 
La scorsa settimana l’ETF più importante al mondo, il SPDR Gold Trust, ha ridotto dello 0,9% le riserve d’oro tenute come sottostante, portando il totale al minimo di cinque anni al di sotto delle 836 tonnellate.
 
Le scommesse ribassiste degli hedge funds e altri investitori speculativi nel frattempo sono saliti nella settimana conclusasi lo scorso martedì all’equivalente di 315 tonnellate di oro, oltre la media del 2013 di 250 tonnellate.
 
Si può paragonare tale numero con la media quinquennale della posizione short al Comex di 96 tonnellate.
 
Tutto considerato, i cosidetti trader speculativi sono rimasti bullish nel complesso, con la posizione long al Comex più forte di quella short di 151 tonnellate, la posizione net long più ridotta dai minimi di molti anni raggiunti a metà estate.
 
“Potrebbe essere la notizia di cui i gold bug erano in attesa” scrive il Financial Times.
 
“Sempre più trader hanno perso fiducia nell’oro. Eppure più cresce il consenso, più è possibile il cambiamento del sentiment.”
 
“Possiamo attenderci un recupero a breve termine del prezzo dell’oro” scrive Reuters citando Alexis Garatti, economista della Haitong International Research di Hong Kong.
 
“Perché secondo il nostro punto di vista, il sentiment del mercato sta esagerando la situazione macroeconomica degli Stati Uniti.”
 
Nuovi dati da Pechino hanno invece indicato un rialzo delle esportazioni dalla Cina nel mese di novembre, che ha portato il surplus commerciale ad un improvviso massimo di quattro anni.
 
La Cina è il primo paese per estrazione di oro, ed è anche il primo paese per consumo finale, avendo superato l’India proprio nel 2013. Le importazioni di oro in India crolleranno a 900 tonnellate secondo i commenti di lunedì del World Gold Council, associazione per lo sviluppo del mercato dell’oro.
 
I prezzi dell’oro fisico al mercato di Shanghai sono saliti lunedì durante una seduta animata, mentre il tasso di cambio dello Yuan è stato aumentato a nuovi massimi contro il Dollaro dalla Banca Popolare Cinese.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento