Oro oggi

Investimenti in oro a -96% - il minimo pre-Covid

La domanda di acquisto di oro scende più rapidamente delle vendite…

La domanda di investimenti in oro tra gli investitori privati è scesa ai livelli precedenti alla pandemia, scrive Adrian Ash del mercato online BullionVault.

E non c’è da meravigliarsi, perché seppure l’azione non sia ribassista, è diventata molto noiosa; anche se le vendite sono scese col calo dei prezzi, finora non abbiamo ancora visto nessuna caccia all’affare.

Al netto delle vendite dei clienti, la domanda di oro su BullionVault – mercato di investimenti online in metalli preziosi aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che tiene in custodia 3.5 miliardi di dollari in metalli per conto dei suoi clienti – è scesa a marzo a soli 24 kg, per un valore inferiore agli 1.4 milioni di dollari.

Pari al solo 4.0% dell’afflusso medio dei 12 mesi precedenti, è la domanda netta d’investimenti più debole in peso da gennaio 2020.

L’inizio della crisi Covid dello scorso anno ha visto la domanda di oro raggiungere un record mensile di 2 tonnellate su BullionVult, per un valore di 102.7 milioni di dollari.

In altre parole, sarà quindi sempre difficile per i metalli preziosi ripetere i record registrati nel 2020. Tuttavia in questa primavera 2021, la corsa verso un nuovo boom economico globale post Covid rende la situazione ancora più dura.

 

 

A marzo il numero di venditori di oro è sceso del 25.9% verso il minimo da dicembre, e il numero di acquirenti è diminuito del 16.3% dalla massima di tre mesi registrata a febbraio.

Questi dati hanno portato il Gold Investor Index – una misura unica nel suo genere del comportamento degli investitori in lingotti fisici nel più grande mercato mondiale – a un calo di 0.8 punti, arrivando a 57.4 a marzo.

Questo numero, il più basso da Novembre, sarebbe stato comunque il più alto dalla vittoria di Trump nel 2016 se non fosse stato per l’impennata durante la crisi Covid da marzo 2020. Anche in questo caso, qualsiasi aumento sembra misero dopo i record dello scorso anno.

I prezzi dell’oro a marzo sono scesi per il sesto degli ultimi 7 mesi, perdendo quasi il 5.0% durante il mese e fissando la media mensile più bassa da maggio dello scorso anno a 1718$ l’oncia, in calo di 250$ dalla massima di agosto.

I clienti che hanno iniziato a investire in oro durante la crisi del 2020 sono ora quelli che corrono alla vendita, rappresentando il 27.7% dei venditori del mese scorso, tra prezzi che continuano a scendere e deludere.

Nonostante tutto, il piccolo afflusso netto di BullionVault a marzo ha portato le disponibilità auree dei clienti – custodite nella maniera più sicura in caveau specializzati a scelta dei clienti tra Londra, Zurigo, New York, Singapore, Toronto o Zurigo – a salire a un nuovo record oltre le 46.5 tonnellate per un valore di 2.5 miliardi di dollari.

I prezzi dell’argento a marzo hanno subito cali più duri di quelli dell’oro, perdendo il 10.1% nel mese con la media mensile più bassa da dicembre a 25.6 $ l’oncia, in calo di 1.75$ dalla massima di 8 anni di febbraio.

Questi cali hanno tuttavia attirato una forte domanda netta per il metallo grigio, portando le proprietà di argento su BullionVault a crescere un ulteriore 1.4% fino al nuovo record di 1.182 tonnellate.

Il numero di acquirenti di argento è sceso di un terzo dal record di 11 mesi registrato a febbraio, in calo del 32.4% - e il numero di venditori si è quasi dimezzato, -44.6% dalla seconda cifra più alta mai registrata su BullionVault.

Il Silver Investor Index ha raggiunto 58.4, con 2.6 punti in meno da febbraio.

Secondo la nostra Verifica Giornaliera gli investimenti in platino su BullionVault sono aumentati del 2.6% fino a 1.8 tonnellate lo scorso mese, recuperando i deflussi di 0.2 tonnellate dell’inverno dovuti al forte aumento nei prezzi del metallo industriale, che ha raggiunto la massima dal 2014.

Se si parla di nuovo interesse verso BullionVault, il numero di nuovi clienti che hanno aperto un conto è sceso per la prima volta del 39.5% a marzo da quello di febbraio e del 67.4% dal record di nuovi utenti di marzo 2020. Comunque, rimane un numero superiore alla media quinquennale del 35.5%, grazie alla forza dei mercati inglesi e statunitensi.

Investire in metalli preziosi non è certo un fallimento, sebbene sia al momento più debole rispetto al periodo più forte verificatosi in tempi moderni. In particolare l’oro, dal momento che non viene impiegato industrialmente, potrebbe essere messo da parte fino a quando gli asset di rischio continueranno a crescere in previsione della ripresa economica, lottando per avere attenzione rispetto ad azioni, obbligazioni, mercati emergenti, materie prime, criptovalute e NFT.

Editing e traduzione articolo a cura di Alessia Ceccarelli.

 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento