Oro oggi

In India il contrabbando di oro influisce sul prezzo. Import di oro nel Regno Unito: +750 tonnellate nette nei primi sei mesi del 2016

L'oro è stato scambiato in una fascia di prezzo di 7 dollari per oncia in mattinata a Londra, recuperando il lieve calo avuto durante gli scambi asiatici in cui prezzi si sono aggirati intorno ai 1.318 dollari.
 
Il Gold Exchange si Shanghai è rimasto chiuso per le festività di metà autunno. La riapertura è prevista per la giornata di lunedì.
 
I mercati azionari asiatici hanno chiuso al ribasso, mentre le Borse europee sono rimaste inviariate.
 
La Borsa di Londra ha guadagnato dopo che la Banca d'Inghilterra ha deciso di mantenere i tassi di interesse al minimo dello 0,25% stabilito lo scorso mese e continuare il programma di QE da 435 miliardi di sterline.
 
Il prezzo dell'oro per gli investitori del Regno Unito è stato di 1.003 sterline per oncia, al di sopra del livello di chiusura della scorsa settimana.
 
Secondo un aggiornamento pubblicato dall'Economic Times i prezzi dell'oro in India hanno subito forti sconti rispetto a quelli internazionali per via dell'attività di contrabbando, al momento in forte diminuzione in seguito a rigorosi controlli introdotti da parte degli ufficiali della dogana.
 
"Dal mese di marzo abbiamo assistito ad un calo quantificabile tra il 50/60% nell'importazione di oro", l'Economic Times riporta quanto affermato da James Jose, segretario della Association of Gold Refineries and Mints, "un ammanco sfruttato dal mercato grigio che offriva il 5% di sconto rispetto ai prezzi internazionali...mettendo in difficoltà il settore dell'oro e riducendo le entrate del governo".
 
"Abbiamo incrementato i controlli di sicurezza negli aeroporti ed in altri punti d'ingresso chiave del paese, nella speranza che entro la fine di questo mese lo sconto sui prezzi internazionali possa sparire", ha concluso Jose.
 
"I prezzi dell'oro attuali, oltre ad aver aumentato l'attività di contrabbando e contribuito al calo della domanda di gioielli, hanno determinato l'aumento dell'attività di riciclo e di accumulo di oro", ha affermato la Metal Focus in una nota pubblicata la scorsa settimana.
 
"Gli scambi commerciali tra Australia e India sono quasi scomparsi del tutto durante i mesi recenti", ha continuato la Metal Focus, "mentre sono aumentate in maniera netta le spedizioni verso il Regno Unito".
 
Complessivamente il Regno Unito ha importato un quantitativo netto di oro pari a 750 tonnellate nei primi sette mesi del 2016, recuperando un terzo del gigantesco flusso in uscita tra gli anni 2013 e 2015.
 
Allo stesso modo è aumentato il flusso di metallo in entrata nei fondi ETF, soprattutto nel gigantesco fondo SPDR Gold Trust (NYSEArca:GLD).
 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento