Oro oggi

Il prezzo dell’oro scende di tre quarti rispetto al salto precedente per effetto della crisi russo-ucraina

Il prezzo dell’oro è sceso pesantemente martedì mattina a Londra, perdendo i tre quarti dell’incremento del 2.5%, che ne aveva segnato il miglior prezzo di quattro mesi sopra i 1.350$ per oncia, in seguito all’alleggerimento della tensione tra Russia e Ucraina che permesso anche il rally dei mercati azionari.
 
Alle 6 del mattino di Londra, Mosca ha annunciato la fine delle esercitazioni militari iniziate improvvisamente la scosa settimana di cui era stata prevista la fine per il tardo lunedì.
 
I prezzi per i grandi investimenti in oro hanno segnato la perdita di 10$/oz nell’arco di dieci minuti. 
 
Il Presidente Putin, alla sua prima conferenza stampa dall’inizio del fine settimana di crisi, ha affermato che l’invio di truppe militari all’interno di confini ucraini sarebbe solo “l’ultimo rimedio”.
 
Il prezzo dell’oro è sceso nuovamente fino a 1.332$/oz, livello per la prima volta toccato dopo il salto dello scorso lunedì.
 
“La tensione nel mercato finanziario si sta dissolvendo ma di sicuro non si è esaurita del tutto”, afferma l’analista Kit Juckes della Societe Generale.
 
Il governo ad interim di Kiev ha comunicato che 16000 truppe russe hanno già attraversato il confine dalla Russia, aggiungendosi alle 25000 persone che Mosca ha autorizzato a stazionare a Sebastopoli.
 
“Le conseguenze economiche, auspicabili in Russia, sarebbero significative ma al momento pare che tutto sia più calmo”, riporta Juckes.
 
“E’ soltanto una nostra sensazione oppure i mercati non rispondono più agli eventi shock con la stessa ferocia con la quale facevano in passato?”, si domanda Steven Barrow strategista della Standard Bank.
 
La caduta dei prezzi del 2% negli investimenti sulle equities nel mercato azionario europeo “difficilmente può attribuirsi agli eventi del fine settimana in Ucraina così come la crescita del 2% nei prezzi dell’oro”, aggiunge Barrow.
 
La mattina di martedì ha visto la maggior parte dei mercati finanziari restituire l’impennata del lunedì, mostrando il prezzo del gas e del grano in diminuzione assieme ai bond dei maggiori governi  proprio per effetto dello scivolamento dei mercati finanziari.
 
I volumi di scambio dei futures americani sull’oro ieri sono più che raddoppiati rispetto al venerdì della scorsa settimana con le opzioni sull’oro che hanno registarto una forte domanda a 1.400.
 
Il colosso SPDR Gold Trust (GLD), ad ogni modo, non ha aggiunto metallo fisico per dare copertura alle sue azioni.
 
Gli prezzi dell’oro a Shangai hanno chiuso questa mattina a 2.80$ per oncia sotto il prezzo di Londra.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento