Oro oggi

Il prezzo dell'oro sale all'annuncio di un deludente dato sui Non-Farm Payrolls

I prezzi dell’oro salgono in concomitanza con l’annuncio ufficiale dei dati sull’impiego statunitense, recuperando il calo dell’1.3% della scorsa settimana e toccando i 1.300$/oz per la prima volta in queste ultime sette sessioni.
 
Dopo aver guadagnato 10$/oz prima dell'annuncio dell'agenzia di ricerca ADP, il metallo è cresciuto nettamente nella mattinata odierna di Londra, arrivando a toccare il livello di 1.297$/oz, un attimo prima dei dati ufficiali emessi dal governo statunitense.
 
Il prezzo è stato altalenante, prima scendendo e poi risalendo a seguito dei dati ufficiali rilasciati dal governo statunitense che hanno mostrato 192.000 nuovi posti di lavoro.
 
“Si tratta dell'ennesimo venerdì sui Non-Farm Payrolls e per questo motivo il comportamento dell'oro è sotto esame”, ha affermato Walter de Wet della divisione delle comodities della Standard Bank, una delle quattro maggiori banche sudafricane.
 
Pronosticando una risposta “asimmetrica” sul prezzo dell’oro, in seguito al dato dei Non-Farm Payroll, "l’oro potrebbe rendersi protagonista di un rally di una durata limitata”, afferma De Wet.
 
Considerato il possibile incremento dei tassi di interesse a lungo termine, ci si aspetta al contempo un incremento dei costi di finanziamento dei lingotti d'oro o delle psoizioni derivate.
 
“Inoltre, la domanda fisica di oro dall’Asia continua a ripercorrere il trend del 2012 piuttosto che quello avuto nel 2013. La domanda riprenderà solo quando il prezzo scenderà nuovamente”, afferma il team delle commodities della Standard Bank.
 
"La domanda di oro dalla Cina è leggera", afferma Reuters nel citare fonti non ben precisate, che facevano riferimento al taglio all'import effettuato dalle banche autorizzate alle importazioni di oro.
 
“La riduzione dei volumi è dovuta in parte alla debolezza dello yuan. Nelle ultime quattro settimane si è potuto assistere ad una domanda abbastanza ridotta", afferma un operatore ben informato di una bullion bank.
 
I contratti sull’oro di Shangai hanno chiuso la giornata con uno sconto di 3.95$/oz rispetto i prezzi di Londra.
 
Negoziati solitamente a fronte di un premio grazie alla domanda locale, i prezzi dell’oro in Cina si sono caratterizzati per essere scambiati con uno sconto per la quinta settimana consecutiva rispetto all'indice internazionale di Londra.
 
"I prezzi dell’oro non hanno fatto registrare rialzi la scorsa settimana dopo che la nuova presidentessa della Fed, Janet Yellen, ha cercato di smorzare le aspettative riguardo all'aumento dei tassi di interesse", hanno affermato in una nota gli analisti della banca ABN Amro.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento