Oro oggi

I fondi ETF sull'oro aggiungono l'1,2% di metallo ad agosto, prezzo intorno ai 1.345$/oz

L'oro ha tenuto vicino ai massimi di tre settimane durante gli scambi di giovedì a Londra, con prezzi intorno ai 1.345 dollari per oncia.
 
Il dollaro è sceso vicino al minimo di due settimane contro l'euro nel mercato delle valute, prima della decisione della BCE sui tassi di interesse e sul quantitative easing da parte della Banca Centrale.
 
L'argento, che ieri è andato vicino a toccare il massimo di quattro settimane a 20,13 dollari per oncia, ha recuperato metà della perdita di 0,40 dollari durante gli scambi in Asia.
 
Nella giornata di mercoledì il fondo ETF SPDR Gold Trust (NYSEArca:GLD) ha venduto mezza tonnellata di oro in virtù delle liquidazioni operate dagli azionisti, per attestarsi intorno a poco meno di 952 tonnellate complessive.
 
In tutto il mondo, complessivamente, gli ETF hanno incrementato i quantitativi di oro dell'1,2% nel mese di agosto, secondo nuovi dati pubblicati giovedì dal World Gold Council, per arrivare ad un ammontare di 2.297 tonnellate.
 
"All'incremento dei fondi ETF in oro in Europa è corrisposto una diminuzione in Nord America e Asia", ha affermato il World Gold Council.
 
"I flussi di oro nei fondi ETF sono incredibilmente volatili se raffrontati con altri fondamentali di mercato", riporta una ricerca effettuata da Michael Haigh della banca francese Societe Generale.
 
"Analizzando l'impatto sui prezzi dell'oro dei fondi ETF e l'ammontare delle scommesse nette rialziste attraverso derivati sull'oro da parte degli Exchange-Traded Funds nel Comex, i risultati sono estremamente intuitivi", conclude la ricerca, dimostrando che ad un 10% di aumento o diminuzione nel flusso di ETF il prezzo dell'oro può salire o scendere
approssimativamente del 3% rispetto ai livelli correnti ( 41 dollari per oncia).
 
"Se il flusso di ETF sull'oro scendesse ai minimi di gennaio del 2016", la Societe Generale conclude, "secondo il nostro modello il prezzo dell'oro dovrebbe scendere del 13% fino a 1.168 dollari per oncia, solo 102 dollari in più rispetto ai minimi di sei anni del mese precedente".
 
Guardando al di la delle decisioni della BCE e della Federal Reserve del 21 settembre, "i dati occupazionali americani dello scorso venerdì, seguiti dai deludenti dati economici sulla produzione americana hanno gettato dei dubbi sul prossimo incremento dei tassi da parte della Fed", afferma un operatore della compagnia di raffinazione svizzera MKS Pamp.
 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento