Oro oggi

Gli ETF sull'oro diminuiscono, ma "ne sosterranno il prezzo" nel 2020

L'oro si è ritirato dal terzo tentativo di superare 1.480$ per oncia in 3 sessioni mercoledì, piatto per la settimana fino ad oggi.  Le partecipazioni degli ETF americani sull'oro si sono ridotte alla loro dimensione minore in un mese ,mentre Wall Street ha stabilito nuovi record.

I mercati azionari mondiali hanno faticato ad estendere i loro nuovi massimi storici mercoledì, mentre i rendimenti dei titoli di stato della prima economia mondiale hanno registrato un aumento più elevato, aumentando il costo del debito.
 
"Esistono diversi fattori che, nel medio termine, dovrebbero sostenere maggiori allocazioni degli investitori verso l'oro", afferma Metals Focus, guardando al 2020.
 
"Un contesto macroeconomico in peggioramento [dovrebbe] indebolire i mercati azionari", afferma Metals Focus, indicando anche "la persistenza di politiche monetarie allentate, con possibile ulteriore allentamento".
 
Le scommesse sui tassi di interesse di fine 2020 negli Stati Uniti, tuttavia, ora vedono la possibilità che la Federal Reserve non tagli i tassi di nuovo dopo le 3 riduzioni di quest'anno, suggescono i dati del ​​CME.
 
Un mese fa i trader hanno visto due probabilità su tre di riduzioni dei tassi nel il 2020.
 
Ma insieme alla montagna di titoli di stato a rendimento negativo, oltre alla possibilità per il dollaro USA di invertire i guadagni degli ultimi anni, "Tutto ciò dovrebbe favorire l'oro dalla seconda metà del 2020 e nel 2021 ", afferma Metals Focus.
 
Il nuovo anno 2020, al contrario, vedrà "i prezzi dell'oro muoversi lateralmente a volte in basso".
 
Martedì gli azionisti del gigante SPDR Gold Trust (NYSEArca: GLD) hanno liquidato lo 0,6% delle posizioni.
 
Ciò ha ridotto la crescita del GLD al di sotto del 12% per il 2019, in calo del 17,5% dal ​​picco di settembre.
 
Il concorrente più economico, iShares Gold Trust di Blackrock (NYSEArca: IAU), è rimasto intanto immutato a dimensioni record.
 
Crescendo del 29,1% finora nel 2019, IAU è ora due quinti di GLD, in aumento da poco più di un terzo a Capodanno.
 
 
Con la riduzione di GLD di martedì, la dimensione combinata dei 2 più grandi ETF garantiti dall'oro di New York è ritornata a 1.251 tonnellate, la minore in un mese e ora piatta dall'inizio di settembre.
 
Mentre IAU addebita lo 0,25% all'anno in commissioni di gestione, GLD addebita lo 0,40%.
 
"I principali investitori con accesso ai caveau di Londra possono ottenere un costo di gestione dello 0,1%", secondo un rapporto di Bloomberg dell'anno scorso.
 
"La piattaforma di trading online BullionVault [allora come adesso] addebita un minimo dello 0,12% all'anno per l'oro allocato".
 
Mercoledì i prezzi dell'oro in euro sono indietreggiati a 1.325€ l'oncia nel primo pomeriggio, mentre la moneta unica è rimasta solida nel mercato FX.
 
Al contrario, i prezzi dell'oro nel Regno Unito si sono attestati vicino ai massimi di 2 settimane, circa 40£ l'oncia al di sopra del ribasso post-elettorale della scorsa settimana a 1.026£.
 
L'inflazione nella zona euro e nel Regno Unito è rimasta invariata a novembre, hanno riferito nuovi dati mercoledì, aumentando il costo della vita "core" - escludendo il carburante e gli alimenti "volatili" rispettivamente dell'1,3% e dell'1,7% annuo.
Attachments: 

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento