Oro oggi

“Correzione, non crollo” dei mercati, domanda di oro ai minimi dal 2009

L’oro è diminuito di 10$ martedì, con il dollaro in risalita e le Borse mondiali in ribasso per la terza sessione consecutiva.
 
La Borsa di Shanghai ha perso il 3% ad una settimana dal Capodanno cinese, ed il premio del prezzo dell’oro è rimasto a quota 8$, appena sotto il tipico incentivo all’importazione.
 
I prezzi dell’oro sono rimasti stabili nelle altre valute, fatta eccezione per lo yen, che è aumentato nel mercato delle valute seguendo il dollaro.
 
L’oro in sterline è rimasto sopra 965£/oncia, vicino al picco di tre settimane, mentre in dollari canadesi l’oro è salito al punto più alto da giugno 2017. 
 
Il Dow Jones lunedì ha registrato il crollo maggiore nella storia, il MSCI World Index è diminuito del 6,2% rispetto al massimo storico di fine gennaio.
 
Oggi la Borsa di Tokyo ha perso il 4,4%, mentre Hong Kong ha perso il 5,1%, e le equity europee hanno registrato un -2,7% nel primo pomeriggio. 
 
“La caduta ha stimolato lo yen, ed ha stimolato piccoli acquisti di oro come metodo di assicurazione”, ha scritto David Govett di Marex Spectron.
 
“Credo che questa correzione sia aggressiva ma benefica”.
 
“L’oro non aumenterà di molto, e se le Borse si riprendono, anche il dollaro risalirà, ridimensionando ancora una volta il prezzo dell’oro”.
 
Alex Scott di 7IM ha aggiunto: “per investitori con un portafoglio robusto e che puntano sul lungo periodo, momenti come questo rappresentano una grande opportunità, infatti sembra improbabile che inizi un periodo ribassista prolungato o grave, visto il background economico favorevole”. 
 
La Borsa americana a fine gennaio ha totalizzato la corsa ai guadagni più lunga dal 1958, di conseguenza la domanda di oro da investimento americana è scesa nel 2017 al minimo di dieci anni. 
 
I dati del World Gold Council per il 2017 indicano che la domanda globale di oro è stata ai minimi dalla recessione del 2009.
 
 
“Il mercato dell’oro non è in cattive condizioni ... date le politiche monetarie più severe ed i mercati azionari forti del 2017”, osserva Alistair Hewitt di WGC.
 
“Gli investitori istituzionali, specialmente in Europa, hanno continuato ad accumulare oro come assicurazione contro la volatilità e le tensioni geopolitiche”.
 
Il bitcoin è in ripresa del 17% dopo il minimo di tre mesi sotto i 6.000$, -60% rispetto al picco di metà dicembre. 
 
Il Congresso americano oggi si riunirà con le autorità finanziarie per discutere le politiche da adottare nel campo dei “capitali digitali”, come bitcoin, ethereum e ripple.
 
I prezzi delle materie prime sono diminuiti ulteriormente martedì, ma i maggiori titoli di Stato sono aumentati dopo le svendite di inizio anno. 
 
Con la diminuzione dei rendimenti a lungo termine, le scommesse sull’aumento del tasso d’interesse da parte della Fed - ora guidata da Jerome Powell - sono diminuite dal 71,6% al 69%, secondo i dati del CME.

Adrian E. Ash è Head of Research presso BullionVault, il maggior servizio di investimento in oro al mondo. Adrian ha pecedentemente ricoperto il ruolo di Editorial presso la Fleet Street Publications Ltd e di redattore economico dalla City di Londra per The Daily Reckoning; è un collaboratore regolare della rivista finanziaria per investimenti MoneyWeek. I suoi commenti sul mercato dell'oro sono stati pubblicati su Financial Times, Bloomberg e Der Stern in Germania e molte altre pubblicazioni.

Leggi tutti gli articoli di Adrian E. Ash.

Segui BullionVault

Facebook  Twitter

 

Domanda e offerta di oro e argento